QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Omicidio Pergine /2 Comunità sotto choc: caccia a Marco Quarta, l’assassino di Carmela Morlino

domenica, 15 marzo 2015

Pergine –  A tre giorni dal delitto di Carmela Morlino, 36 anni, uccisa con 15 fendenti dall’ex marito, continua la caccia a Marco Quarta. Sono stati istituti posti di blocco lungo le strade, controlli nei boschi e con l’elicottero sono state attivate le ricerche a tutto campo. Carabinieri e vigili del fuoco in prima linea. Secondo le ultime informazione la sua vettura sarebbe stata nota in Romagna.

Finora non si hanno notizie di Marco Quarta fuggito su una Dacia Duster marrone EL927EY, come indicato dai carabinieri che hanno diffuso fin dalla mattina di venerdì la sua foto per facilitare le ricerche. Controlli sono stati eseguiti Carabinieriieri e oggi anche nella province di Lecce, Novara e Varese, dove l’uomo e la sua famiglia avevano attività. Almeno duecento militari impiegati in questi giorni per le ricerche dell’assassino, a cui vanno aggiunti vigili del fuoco e volontari della Protezione Civile.

L’APPELLO 

I carabinieri cercano Marco Quarta (nella foto), il fuggitivo, che giovedì sera ha ucciso l’ex moglie con 15 coltellate davanti ai due figli di 4 e 7 anni. I militari hanno rinnovato l’appello a segnalare al 112 o al comando di Trento (telefono 0461 202000) l’eventuale presenza dell’uomo, alto 1 metro e 98 centimetri e di corporatura robusta, con peso oltre i 100 chilogrammi, capelli corti e castani, e della sua auto, una Dacia Duster di colore marrone.Marco Quarta

I FUNERALI DI CARMELA MORLINO

I due figli di 4 e 7 anni sono ora presso i nonni materni, seguiti anche dai servizi sociali del Comune. Lunedì sera nella chiesa di Zivignago – inizio alle 20 – si terrà un momento di preghiera per Carmela e martedì alle 14.30 nella chiesa di Pergine si svolgeranno i funerali di Carmela Morlino.

LA SCIA DI SANGUE IN TRENTINO

Anche in Trentino è lunga la scia di sangue con omicidi e femminicidi. Ecco la sequenza degli ultimi anni:

12 marzo 2015: Marco Quarta uccide con 15 coltellate l’ex moglie Carmela Morlino a Pergine Valsugana.

10 ottobre 2013: Michaele Emmanuele Ocampo Ballestas soffoca la giovane moglie, Yurani Jimenez Cuadrado, 27 anni, poi si getta sotto un treno a Trento.

9 agosto 2013: Lucia Bellucci, responsabile della spa dell’hotel Chalet del Brenta di Madonna di Campiglio, assassinata con quattro coltellate dall’ex findanzato, l’avvocato Vittorio Ciccolini in Val Rendena.

28 marzo 2009: Ezio Toccoli, invalido, 90 anni, uccide la moglie Florina Reversi, 79 anni, a Pietramurata.

18 marzo 2009: omicidio-suicidio, Fabio Calovini, 78 anni, uccide la moglie Iolanda Ongaro, 77 anni, quindi si toglie la vita a Strigno.

23 novembre 2008: Carlos Ignacio Carrasco Ortega,  39 anni, accoltella l’ex fidanzata, Ilenia Graziola, 29 anni, di Nogaredo. Poi si toglie la vita.

8 dicembre 2004: Pietro Cannavacciuolo, 33 anni, uccide a coltellate l’ ex compagna, Jessica Giorgio, a Predazzo.

9 settembre 2002: Paolo Pergher, 46 anni, uccide la moglie Rita Trettel, 48 anni, a Cavalese.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136