QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Omicidio di Zivignago: l’assassino Marco Quarta nega la premeditazione. “Sono andato per prendere i figli”

mercoledì, 8 aprile 2015

Trento – Interrogato nel carcere di Trento, Marca Quarta, l‘immobiliarista arrestato per l’omicidio dell’ex moglie Carmela Morlino, avvenuto a Zivignago di Pergine (Trento) il 12 marzo scorso.

Il 40enne ha negato davanti al Procuratore Capo Giuseppe Amato e al pm Carmine Russo, la premeditazione. Quarta ha raccontato di essere andato dall’ex moglie non per ucciderla, ma per prendere i bambini che non vedeva da mesi. “Non so perché l’ho fatto, volevo solo minacciarla”, sono state le parole di Marco Quarta. Alla domanda sull’arma Marco Quarta, difeso dall’avvocato Luca Pontalti, ha risposto che l’aveva acquistata alcuni giorni prima e che era un regalo per un amico. Marco Quarta (nella foto) è accusato di omicidio premeditato con l’aggravante  della crudeltà e del vincolo coniugale.Marco Quarta

LATITANZA E ARRESTO

Dopo l’omicidio Marco Quarta era fuggito e alle 19 del 20 marzo, a Rovigo nei pressi del Centro Commerciale “La Fattoria”, la latitanza di Marco Quarta si è conclusa. 

L’uomo è stato bloccato dai carabinieri che, a seguito di una precisa segnalazione di una cittadina che poco prima, a conoscenza della vicenda criminosa ampiamente diffusa di media a livello nazionale, aveva notato l’autovettura Dacia Duster di proprietà di Marco Quarta mentre sfrecciava lungo la statale 16 con direzione Ferrara–Rovigo, si sono appostati lungo il perimetro del centro commerciale e dopo aver avuto la certezza della presenza dell’uomo e la corrispondenza alla descrizione diramata, l’hanno bloccato. L’arresto di Marco Quarta è avvenuto a conclusione di un’incessante attività di ricerca, posta in essere nell’immediatezza dell’omicidio, concretizzatasi in tutta una serie di accertamenti investigativi e documentali dei carabinieri di Trento effettuati nei confronti dell’autore del reato finalizzati ad individuare i suoi pregressi movimenti e le sue possibili mosse.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136