QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nel Bresciano rissa in un bar: tre arresti

martedì, 24 settembre 2013

Castel Mella – Intorno all’01.30 odierne, a Castel Mella, all’interno dell’esercizio pubblico “Bar Portici”, militari della Stazione Carabinieri di Roncadelle hanno tratto in arresto in flagranza di reato tre giovani che si sono resi partecipi di una rissa.CARABINIERI LARGE

Uno dei tre giovani, E.J. albanese classe ’91, ha precedenti per lesioni e spaccio di sostanze stupefacenti mentre gli altri soggetti coinvolti risultano incensurati. I militari, intervenuti su segnalazione della Centrale Operativa di Brescia, appena entrati nel citato esercizio pubblico, procedevano ad identificare la ragazza che aveva telefonato al 112, la quale affermava di essere stata vittima di furto da parte di E.J.. Identificato il presunto ladro all’interno del bar, questi riferiva di non aver commesso alcun furto, ma aggiungeva di essere stato lui stesso vittima di lesioni personali da parte della ragazza e del compagno di quest’ultima.

Dopo pochi istanti la ragazza, identificata in C.B. classe ’82, sebbene in presenza dei Carabinieri, tentava di ferire E.J. lanciandogli contro un porta tovaglioli; contemporaneamente il compagno della stessa, G.L.F. classe ’91, aggrediva il giovane albanese colpendolo con calci e pugni. Agli stessi colpi il cittadino albanese reagiva ferendo sia G.L.F. che C.B.. I tre successivamente ricorrevano alle cure dei sanitari, riportando lesioni giudicate guaribili in giorni 5 s.c..

I militari, che riuscivano con non poche difficoltà a dividere i tre, dopo averli dichiarati in stato di arresto, li associavano presso le proprie abitazioni (la ragazza e il cittadino albanese in Castel Mella, G.L.F. a Brescia) in regime di arresti domiciliari. Nella mattinata odierna gli arresti sono stati convalidati e i tre sono stati rimessi in libertà.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136