QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Nel Bresciano quattro denunce per reati contro il patrimonio e ricettazione

lunedì, 4 agosto 2014

Limone Sul Garda – I militari della locale Stazione dei carabinieri, al termine degli accertamenti di competenza, hanno denunciato in stato di liberta’ per il reato di possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso rispettivamente in concorso M. P. G., romeno
classe 1966 e M. P. C., romeno classe 1988, entrambi senza fissa dimora in Italia, e E. R. A. E., marocchino classe 1993, residente a Maser (TV) tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio.
furti
In particolare, nel corso di servizio perlustrativo finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati  contro il patrimonio ed in particolari dei furti su autovetture, i militari hanno fermato i soggetti in quel centro, mentre erano a bordo dei mezzi in loro uso, rispettivamente i romeni di un VW “Caravelle” di colore rosso con targa romena ed il marocchino di una Lancia Y di colore grigio
targa italiana. Le perquisizioni personali e veicolari svolte, hanno consentito ai militari di rinvenire nelle loro immediate disponibilità dei fermati numerosi arnesi atti allo scasso, tra cui lime e piccoli cacciaviti, verosimilmente utilizzati per attività illecite.

FALSI E RICETTAZIONE

Gli stessi carabinieri hanno denunciato in stato di libertà per i reati di introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi e ricettazione e di violazione della proprietà intellettuale F. M. irriducibile pregiudicato senegalese classe 1954, già denunciato
dagli stessi militari per fatti analoghi lo scorso 13 luglio 2014.

In particolare, seguito mirato servizio finalizzato alla repressione del fenomeno della vendita di merce contraffatta sulle spiagge della gardesana occidentale, i militari hanno nuovamente individuato e fermato il pregiudicato all’interno di un camping mentre era intento alla vendita di prodotti con marchi contraffatti. Nel corso del controllo venivano rinvenuti nella disponibilità del fermato capi di abbigliamento e vari accessori tutti contraffatti, riportanti loghi di prestigiosi marchi nazionali ed internazionali per un totale di circa 15 pezzi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136