QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Nel Bresciano l’attività dei Carabinieri porta all’arresto di otto pregiudicati

sabato, 31 maggio 2014

Salò – Negli ultimi tre giorni il Comando Compagnia dei Carabinieri di Salo’ ha intensificato i controlli sul territorio e l’azione preventiva e repressiva, con mirati servizi di controllo straordinario che hanno portato l’arresto di otto pregiudicati, di cui 6 in flagranza di reato e 2 in esecuzione di ordini per la carcerazione emessi dall’Autorità Giudiziaria.Carabinieri e polizia 1 (2)

In particolare: per evasione i militari della Stazione dei Carabinieri di Vestone hanno arrestato in esecuzione di ordine di carcerazione Lahlaoui Mohammed, marocchino classe 1987, disoccupato, pregiudicato, irregolare sul territorio, già detenuto in regime degli arresti domiciliari perché riconosciuto responsabile dei reati di tentato omicidio, porto abusivo di armi ed evasione. Il provvedimento dell’A.G. è scaturito in seguito a reiterate violazioni commesse dal pregiudicato e segnalate dal competente Comando Stazione. L’ arrestato è stato associato alla casa circondariale di Brescia – Canton Mombello.

Sempre in esecuzione di ordine di carcerazione a Moniga del Garda i militari della Stazione CC di Manerba del Garda (BS) hanno arrestato El Ansari My Abdellah marocchino classe 1973, pregiudicato. Lo stesso, già agli arresti domiciliari per reati inerenti gli stupefacenti dovrà scontare la pena di mesi 9 (mesi) e giorni 26 (ventisei) di reclusione in regime di detenzione domiciliare (fatti commessi in Bedizzole nel febbraio 2014).

I militari della Stazione di Bagolino hanno arrestato in flagranza per ricettazione C. R., originario di La Spezia classe 1970, senza fissa dimora, pluripregiudicato per reati contro la persona e il patrimonio. Nel corso di un servizio di pattuglia finalizzato a prevenire e reprimere reati predatori nel territorio, i militari hanno notato il pregiudicato aggirarsi in zona residenziale del paese a bordo di un autovettura Citroen C3. L’immediato accertamento in banca dati ha consentito di accertare che l’autovettura in uso all’uomo era oggetto di furto consumato nel dicembre 2013 a Brescia, pertanto i militari hanno bloccato e preso in custodia l’uomo che, dopo le formalita’ di rito è stato associato al carcere di Brescia dove a seguito dell’interrogatorio è stato trattenuto, anche in virtù dei suoi precedenti.

I militari di Gavardo hanno arrestato in flagranza per i reati di rapina impropria in abitazione, violenza provata e lesioni Diaby Lacine, classe 1995, di origine ivoriana, residente a Gavardo pregiudicato per reati specifici. I militari hanno accertato che il giovane si era presentato presso l’abitazione della sua ex fidanzata e con prepotenza, contro la volonta’ della stessa, aveva avuto accesso all’appartamento. Una volta all’interno dopo aver infierito verbalmente e fisicamente contro la ex, malmenandola con calci e pugni, si era impossessato di un tablet e di un telefono cellulare di proprieta’ della stessa, guadagnando poi la fuga a piedi per le vie limitrofe. Nell’occorso la donna riportava lesioni giudicate guaribili in giorni 5 (cinque) dai sanitari dell’ Ospedale Civile di Gavardo. La merce è stata recuperata e restituita alla donna. L’arresto è stato convalidato e per il giovane è stata disposta la custodia in carcere in attesa della prossima udienza.

Sempre i militari della Stazione di Gavardo, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati predatori, hanno arrestato in flagranza per il reato di furto aggravato Verduccio Valerio classe 1988, residente in provincia di Matera, di fatto senza fissa dimora, pregiudicato per reati specifici. I militari hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava con fare sospetto da un’abitazione di un anziana signora. Immediati accertamenti consentivano di stabilire che lo stesso pochi minuti prima, spacciandosi per studente di un istituto religioso salesiano, aveva avuto accesso all’abitazione dell’anziana classe 1937, alla quale con artifizi e raggiri aveva sottratto la somma contante di 65 euro. La somma veniva recuperata e restituita all’avente diritto. L’arresto veniva convalidato ed il giovane condannato alla pena (sospesa) di 6 mesi e 140,00 euro di multa. Successive indagini hanno consentito di identificare altri due complici che si erano dati alla fuga a bordo di una Lancia Fedra di colore grigio chiaro, gli stessi sono stati denunciati a piede libero. Avviate nei loro confronti le procedure per il foglio di via obbligatorio.

I militari della Stazione di Manerba del Garda nel corso di servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati predatori, hanno arrestato in flagranza per il reato di furto aggravato in esercizio commerciale Braidic Gigliola classe 1975, Braidic Loredana classe 1970 e Braidic Rossana classe 1970 tutte parenti tra loro, pluripregiudicate per reati specifici. I militari sorprendevano le tre mentre a bordo dell’auto in loro uso, una Fiat marea di colore bianco, si allontanavano dal parcheggio dell’ipermercato “Lidl”. Insospettiti dalla loro presenza, poiche’ gia’ conosicute agli uffici in virtu’ dei numerosi precedenti penali a loro carico, i militari procedevano al controllo intimando loro l’alt. Le tre malviventi alla vista dei militari non ottemperando all’ordine ricevuto tentavano la fuga a bordo dell’autovettura venendo pero’ raggiunte e bloccate. Sottoposte a perquisizione personale e veicolare venivano trovate in possesso di merce di genere alimentare e non, del valore di circa 60 euro, accertato poi essere stata asportata poco prima dal citato supermarket. La refurtiva veniva recuperata e restituita all’avente diritto. Gli arresti sono stati convalidati e le tre donne condannate alla pena (sospesa) e 140,00 euro di multa a testa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136