Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Nel Bresciano la Finanza scopre giro di fatture per operazioni inesistenti da 11 milioni di euro: 55enne denunciato

venerdì, 26 maggio 2017

Brescia – I finanzieri del Gruppo di Brescia hanno recentemente concluso una verifica fiscale nei confronti di una società di capitali con sede in provincia di Brescia. L’attività ispettiva, originata da pregresse indagini di polizia giudiziaria, è stata orientata prevalentemente ad analizzare i costi annotati in contabilità negli anni dal 2011 al 2013.

E’ stata disvelata una frode fiscale, realizzata grazie all’utilizzo di fatture emesse da società operanti nel territorio bresciano diverse dalle effettive venditrici di merce per un importo complessivo di oltre 11 milioni di euro ed I.V.A. pari a circa 2.400.000 euro. Si tratta di una società operante nel settore della fusione di metalli non ferrosi.

Il rappresentante legale (T.E., 55enne di Concesio) è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di “Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136