Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


‘Ndrangheta, smantellata una “locale” in Trentino Alto Adige: 20 in carcere, al vertice un 60enne di Delianuova

martedì, 9 giugno 2020

Trento – Smantellata una “locale ” di ‘ndrangheta in Trentino Alto Adige dedita allo spaccio di droga, al vertice un 60enne originario di Delianuova ma residente da anni a Bolzano. Venti le persone arrestate.

Procuratore RaimondiAll’alba si è conclusa un’indagine, coordinata dalla Procura di Trento-Direzione Distrettuale Antimafia, che ha delegato alla Polizia di Stato l’esecuzione di venti ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettanti soggetti, ritenuti a vario titolo associati alla ‘ndrangheta e gravemente indiziati dei reati di associazione mafiosa, estorsione, sequestro di persona, illecita vendita di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi, bancarotta fraudolenta, contraffazione di documenti e favoreggiamento (nella foto il Procuratore di Trento, Sandro Raimondi).

polizia

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile di Trento e dal Servizio Centrale Operativo, sono state avviate nell’estate del 2018, in seguito ad alcune dichiarazioni di un collaboratore di giustizia che ha asserito di essere a conoscenza dell’esistenza di un ”locale” di ‘ndrangheta da anni attivo a Bolzano. Le indagini della DDA e della Procura di Trento hanno confermato le dichiarazioni del collaboratore, aggiungendo ulteriori dettagli che hanno permesso di scoprire l’esistenza, risalendo indietro fino agli anni novanta, di una ”locale” di ‘ndrangheta nel territorio del Trentino Alto Adige, in particolare nella provincia di Bolzano, con modalità tipiche dei consociati calabresi. Emanazione, seppur con ampi margini di autonomia, della ndrina Italiano-Papalia di Delinauova, in provincia di Reggio Calabria.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136