QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Mori, il cane “Apiol” scopre studente con 4 chili di droga: un insospettabile arrestato dalla Finanza

mercoledì, 25 marzo 2015

Trento – Il cane antidroga “Apiol” lo scopre con 4 chili di droga mentre scende dal treno. Altro blitz delle Fiamme Gialle.  Nell’ambito di un piano di interventi disposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trento e volto alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, che ha già portato, in questa prima parte dell’anno, a 6 arresti, 12 denunce ed al sequestro di 11 chili tra hashish e marijuana nonché di diverse dosi di cocaina ed eroina, sabato scorso le Fiamme Gialle Trentine hanno arrestato presso la stazione ferroviaria di Mori (Trento) un corriere di origine maghrebina, che traspodroga Alto adigertava oltre 4 chili di hashish.

La sostanza stupefacente era occultata in uno zaino scolastico portato a spalla da un insospettabile ragazzo 23enne, dall’aspetto di un normale studente universitario, ed era confezionata in 300 ovuli da 10 grammi e dieci “panetti” di hashish di poco più di un etto l’uno, per un valore al dettaglio di circa 50 mila euro.

L’arrestato, A.Z. residente a Rovereto (Trento), è stato fermato da una pattuglia in borghese delle fiamme gialle che, nell’ambito del piano, stava effettuando controlli sui principali accessi alle città di Trento e Rovereto, in affiancamento alle unità cinofile, di norma impiegate in ambito cittadino.

Tra i numerosi passeggeri del treno proveniente da Verona, il cane antidroga “Apiol” spingeva subito con forza il suo conduttore nella direzione del nord-africano, che in quel momento si era avvicinato alla scaletta della vettura ferroviaria per scendere.

Alla vista dell’unità cinofila, che aveva fiutato la sostanza stupefacente nonostante il sottovuoto delle confezioni, il giovane ragazzo retrocedeva tra i passeggeri dando segni di forte nervosismo ma veniva immediatamente fermato dai militari in borghese, subito saliti sul treno, in piena sicurezza degli altri passeggeri. Il successivo controllo dello zaino metteva in luce il consistente quantitativo di sostanza stupefacente trasportato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136