QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Meno rapine, ma più furti e casi di stalking. Il bilancio dei carabinieri di Trento tracciato dal colonnello Graziano

martedì, 29 dicembre 2015

Trento – Meno rapine, ma più furti. Il comandante della Legione Carabinieri di Trento, colonnello Maurizio Graziano (nella foto), ha incontrato i giornalisti per fare il punto sull’attività dell’anno nelle diverse Compagnie. Ecco alcuni dei dati dell’attività dei carabinieri in Trentino nel periodo compreso dal 1 gennaio al 15 dicembre 2015: sulla violenza di genere, le denunce per stalking sono state 59, 29 gli allontanamenti da casa. Sul fronte droga, calano gli arresti e aumentano le segnalazioni per consumo al Commissariato del governo.

I DATI carabinieri colonnello Maurizio Graziano 1

Le chiamate al 112 per richieste di intervento sono state 9.629. In totale i reati consumati in Trentino sono stati più di 16.600, la maggior parte di livello minimale. Gli arrestati sono stati 300, per il 45% italiani. Risultano in crescita i furti (ma non quelli in casa): 7.728, dei quali sono stati individui 412 responsabili.

Le rapine sono state 55, 31 (70 nel 2014) delle quali «risolte», cioè con l’arresto dei colpevoli.  Gli arresti per droga sono stati 27, 35 i denunciati, 312 gli individui segnalati (40 più del 2014). Il Nas ha sequestrato sostanze illegali per un valore di 1,3 milioni di euro.

Le denunce per stalking sono state 56, gli allontanamenti forzosi dell’abitazione familiare 29. Gli incidenti stradali rilevati sono stati 2.228, 26 dei quali mortali, 531 con feriti. Ben 707 le patenti ritirate, quasi tutte per guida in stato di ebbrezza alcolica.

L’A.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136