QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Mega rissa tra immigrati a Trento: un espulso e diverse persone identificate

mercoledì, 15 giugno 2016

Trento – Un espulso e una ventina di persone identificate alcune delle quali già accompagnate in Questura e presso il comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri.Carabinieri e polizia 1 (1)

E’ questo il primo bilancio dei controlli in Piazza Santa Maria Maggiore, via Pozzo e Piazza Dante e del centro cittadino, a seguito della maxi rissa tra immigrati lo scorso weekend, 12 e 13 giugno.

Polizia e Carabinieri nelle ultime ore hanno intensificato, congiuntamente, le attività al fine di identificare con certezza tutti i componenti del gruppo che ha causato i disordini di domenica pomeriggio in piazza Dante.

Il primo risultato, dopo i già noti arresti conseguenti ai successivi fatti del 13, si è avuto con l’accompagnamento presso il centro identificazione di Torino e l’espulsione dal territorio nazionale disposti dal Questore D’Ambrosio nei confronti di un cittadino tunisino, considerato dagli inquirenti uno dei protagonisti più attivi degli scontri di domenica 12.

Carabinieri e Polizia in queste ore, dopo aver esaminato i numerosi video e sentito i testimoni, hanno ricostruito interamente i fatti, identificando il gruppo di 13 persone di magrebini e nigeriani, di cui alcuni minori, autori delle violenze di alcuni giorni fa.

Gli investigatori nel corso delle indagini hanno dapprima cercato di comprendere chi erano i promotori delle violenze e successivamente di addebitare ai singoli le relative responsabilità.

In ragione di tale assunto il primo provvedimento è stato per l’appunto quello di individuare uno dei responsabili ed espellerlo dal territorio nazionale. Nei prossimi giorni tale attività proseguirà nei confronti di coloro, coinvolti, che non hanno titolo a rimanere nel territorio dello Stato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136