QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Manerba, arrestato dai carabinieri giovane spacciatore. Altri blitz nel Bresciano

lunedì, 9 ottobre 2017

Manerba – I carabinieri di Manerba del Garda (Brescia) hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 19enne della valtenesi. Il giovane veniva controllato, in un parcheggio nel centro abitato di Soiano del Lago, insieme ad alcuni amici.

I militari, insospettiti dall’atteggiamento dei ragazzi, effettuavano una perquisizione d’iniziativa sulla persona ed in seguito su un veicolo parcheggiato ove venivano rinvenuti circa 12 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana. La perquisizione veniva estesa presso l’abitazione del 19enne ove si sequestravano ulteriori 56 grammi della stessa sostanza. Il ragazzo veniva tratto in arresto in quanto indagato per detenzione ai fini di spaccio. Arresto convalidato.

PALAZZOLO: ARRESTO DI UN KOSOVARO PER TENTATO FURTO CON SCASSO

Nella notte tra sabato e domenica, a Palazzolo, i Carabinieri della Stazione hanno tratto in arresto un kosovaro 26enne, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, già censurato ambito delitti contro persona e patrimonio, resosi responsabile di tentato furto aggravato unitamente ad altri due soggetti allo stato sconosciuti.

La pattuglia veniva inviata dalla centrale operativa di Chiari in via Europa presso il ristorante “la Sosta” ubicato all’interno del centro commerciale “Europa”, poiché alcuni passanti avevano segnalato un tentativo di scasso da parte di tre soggetti. Appena giunti i militari sorprendevano e bloccavano lo straniero mentre due complici fuggivano a piedi per le vie circostanti, facendo perdere le proprie tracce.

Sul posto venivano rinvenuti e posti in sequestro un piccone e due piedi di porco, utilizzati poco prima dai malviventi nel tentativo di forzare l’ingresso dell’esercizio commerciale, oltre ad un’autovettura Fiat Uno rubata la sera prima a Calcinate, trovata con il cilindro d’accensione forzato e il motore ancora acceso, a bordo della quale erano arrivati i malviventi e che avrebbero presumibilmente utilizzato per caricare le macchinette slot visto che erano stati preventivamente abbassati i sedili posteriori.

Nel corso del sopralluogo venivano acquisite le immagini del sistema di videosorveglianza, dalle quali  emergeva chiaramente la dinamica dei fatti e sulle quali verranno fatte ulteriori attività d’indagine per risalire agli altri due complici.

L’arresto veniva convalidato in data odierna presso il Tribunale di Brescia il cui giudice disponeva gli arresti domiciliari a casa del fratello in attesa di giudizio.

ADRO: COLTIVAVA CANAPA IN CASA

Venerdì sera, in Adro, i militari della stazione Carabinieri hanno tratto in arresto un bresciano 36enne, nullafacente. Gli operanti, nell’ambito di uno specifico servizio di contrasto allo spaccio di droga, trovavano a casa del soggetto quattro piante adulte di marijuana, 110 grammi di marijuana, 2 grammi di hashish, 1,10 grammi di funghi allucinogeni, oltre ad una lampada per essiccazione, un bilancino di precisione e la somma contante di 100 euro circa, ritenuta di illecita provenienza.

Quanto rinvenuto è stato posto posto in sequestro. L’arresto è stato convalidato e l’uomo veniva condannato a un anno di reclusione, con sospensione della pena e conseguente scarcerazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136