QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Maltrattamenti di cani, blitz dei carabinieri Forestali in una struttura di Lonato del Garda. Denunciati i titolari

giovedì, 23 febbraio 2017

Brescia – Maltrattamenti di cani, blitz dei Carabinieri Forestali di Brescia. Su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Brescia, i militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Brescia, unitamente alla stazione Carabinieri Forestale di Salò, hanno eseguito una perquisizione nell’allevamento e ricovero cani, sito nel Comune di Lonato del Garda (Brescia).carabinieri Forestali

Durante la perquisizione i militari accertavano la presenza di 130 esemplari, numero di gran lunga superiore a quello autorizzato dal Distretto Veterinario A.T.S. competente; 8 cani sono stati sottoposti a sequestro, poiché sugli stessi risultava praticata la cosiddetta “conchectomia”, ovvero l’amputazione delle orecchie.

Durante la perquisizione venivano rinvenuti alcuni box ed aree recintate destinate alla custodia dei cani, costruiti abusivamente e posti anch’essi sotto sequestro. Sono state inoltre riscontrate irregolarità anche nello smaltimento delle deiezioni dei cani. Nel corso della perquisizione all’interno del capannone si rinvenivano prodotti alimentari surgelati e non, posti all’interno di alcune celle frigorifere.

carabinieri Forestali Brescia 1

Sono quindi intervenuti i Carabinieri dei N.A.S. di Brescia che, unitamente a personale A.T.S., hanno proceduto al sequestro giudiziario di circa 100 chili di prodotti ittici e carni in cattivo stato di conservazione e di ulteriori 5000 chili di prodotti alimentari, a sequestro cautelativo per un valore totale di circa 30mila euro. In attesa di ulteriori sviluppi d’ indagine da parte degli inquirenti, i titolari del Canile sono stati denunciati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136