QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Malcesine: spacciava banconote false in albergo, i carabinieri arrestano 45enne

giovedì, 1 giugno 2017

Malcesine – Spacciava banconote false ai dipendenti dell’albergo, arrestato 45enne trentino. La stazione carabinieri di Riva del Garda, dipendente dalla Compagnia carabinieri di Riva del Garda (Trento) ha effettuato un arresto per spaccio di banconote false, concludendo a Malcesine (Trento), un’operazione che andava avanti di diverse settimane.

Si è conclusa con l’arresto di un insospettabile 45enne trentino, F.S., l’attività di indagine condotta dalla stazione carabinieri di Riva del Garda che nella settimana scorsa ha sequestrato un ingente quantitativo di banconote false.

malcesine banconote falseEra da circa un mese che i militari dell’Arma avevano intercettato la spendita di alcune banconote di vario taglio fino a quando alcune delle vittime, che, scoperta la falsità, si sono rivolte alla stazione carabinieri di Riva del Garda consegnando le banconote sospette.

L’immediata e complessa attività avviata dai militari dell’Arma portava a individuare – quale luogo della spendita – una struttura alberghiera del vicino Comune di Malcesine, scoprendo così che a “piazzare” le false banconote era appunto il compagno della proprietaria di un noto albergo-ristorante della fascia lago gardesana orientale. L’uomo infatti, aveva pensato bene di incrementare i profitti dell’attività di ristorazione mescolando alcune banconote false tra quelle autentiche e destinate alla paga e alla distribuzione delle mance di alcuni dipendenti.

All’ennesima segnalazione, certi delle responsabilità a carico dell’uomo, i carabinieri della stazione di Riva del Garda, coadiuvati dalla polizia locale di Malcesine, irrompevano all’interno dell’esercizio alberghiero dando corso ad immediata perquisizione del sospettato e dell’intera struttura, al cui termine venivano rinvenute oltre 300 banconote di vario taglio, da 10, 20 e 50 euro, per un totale complessivo di circa 9.000 euro, alcune ben custodite in un contenitore tra la documentazione amministrativa della reception, altre invece indosso alla persona stessa, pronte per la spendita.

A questo punto l’uomo, che è stato dichiarato in stato di arresto in violazione dell’articolo 453 del C.P. (reato che prevede la reclusione da tre a dodici anni e con la multa da 516 a 3.098 euro), è stato associato presso la casa circondariale di Verona a disposizione del P.M. Labia Giulia. Gli accertamenti sulle banconote sequestrate sono state trasmesse alla Banca d’Italia per le verifiche tecniche di competenza interessando contestualmente il Nucleo Carabinieri Antifalsificazione Monetaria di Roma per gli approfondimenti sulle stesse, hanno consentito solo oggi di rendere nota la notizia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136