QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Mairano: estorce soldi e picchia il padre per la droga. Arrestato

giovedì, 3 agosto 2017

Bagnolo Mella – I carabinieri della stazione di Bagnolo Mella hanno tratto in arresto B.M., 39 enne, operaio, residente in Mairano, ritenuto responsabile di atti persecutori, stalking, nei confronti del padre pensionato, 67 enne domiciliato in Flero. Quest’ultimo, esasperato dalle continue richieste di denaro che il figlio, tossicodipendente, gli formulava con cadenza giornaliera ormai da oltre 10 anni (la vittima aveva calcolato di avere elargito al figlio, negli anni, la somma complessiva di circa cinquantamila euro), associandole a minacce e molestie telefoniche, aveva presentato negli ultimi tre mesi diverse denunce contro il figlio che era già indagato presso la Procura della Repubblica.Carabinieri Bagnolo Mella 1

L’ultimo episodio il 31 luglio allorquando B.M., presentatosi dinanzi all’abitazione del genitore per la quotidiana pretesa di denaro, preceduta dai consueti insulti e minacce rivolti tramite messaggio, indispettito per il rifiuto del padre, gli aveva danneggiato la macchina parcheggiata sulla pubblica via. Per il genitore è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, delineandosi una situazione non più sostenibile, tanto da fare intervenire i carabinieri della stazione di Bagnolo Mella che sorprendevano il giovane all’atto di ritirare l’ennesima somma di denaro (le richieste giornaliere si aggiravano dai 40 agli 80 euro). Ai militari, consapevoli delle molestie e delle pregresse minacce di cui si era fatto protagonista B.M. e del grave stato d’ansia e di paura ingenerato nel padre, tanto da farli temere per la sua incolumità, non è rimasto altro che dichiararlo in stato di arresto per stalking e di metterlo a disposizione della Procura della Repubblica, ipotizzando a suo carico anche il reato di estorsione.

L’arresto di B.M., condotto nel frattempo presso la propria abitazione in attesa dell’udienza, è stato convalidato dal Gip del tribunale di Brescia che ha applicato all’imputato la misura cautelare degli arresti domiciliari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136