QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ludopatia: la Finanza di Bolzano infligge colpo al gioco d’azzardo, sequestrati 12 totem e 440mila euro

lunedì, 8 agosto 2016

Bolzano – La Guardia di Finanza infligge un duro colpo al gioco d’azzardo: sequestrati 12 totem e sanzioni per 440mila euro. Vasta operazione delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Bolzano tesa a contrastare il diffuso fenomeno del gioco d’azzardo illegale online.

Finanza Bolzano ludopatia 1

I finanzieri del neo costituito Gruppo della Guardia di Finanza di Bolzano hanno sequestrato, negli ultimi giorni, 12 apparecchi da gioco e intrattenimento, “totem”, collocati all’interno di diversi bar del capoluogo altoatesino.

Le postazioni sequestrate, all’apparenza, per eludere i controlli, rivestivano un carattere promozionale, consentendo solo di effettuare ricariche telefoniche o di schede tv o di navigare e acquistare beni e servizi su internet.

Di fatto, con trucchi e accorgimenti vari che i gestori avevano rivelato ai giocatori, le apparecchiature riuscivano a collegarsi con decine di piattaforme di gioco on line localizzate all’estero e non autorizzate dai Monopoli di Stato, molte delle quali residenti in “paradisi fiscali”.

Ma questo non è bastato a eludere il “fiuto” della Guardia di Finanza, che tramite i propri “Baschi Verdi” della locale Sezione Operativa Pronto Impiego, ha quindi fatto scattare controlli a tappeto che nel giro di poco tempo hanno permesso di individuare diversi locali in cui erano installati gli apparecchi illegali e di sequestrarne, al momento, ben dodici (ma il numero è destinato ad aumentare).

L’acceso al gioco illegale risultava inoltre indistinto a tutti i giocatori, senza alcuna tutela per i minori che potevano accedere senza limiti di gioco.

All’esito dell’attività sono stati segnalati all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sette soggetti che rischiano ora sanzioni complessive di 440mila euro, oltre alla confisca delle apparecchiature di gioco illegale.

Prosegue così l’attività della Guardia di Finanza di contrasto alle pratiche abusive di offerta di giochi, realizzata attraverso l’aggressione a qualsiasi forma di illegalità o infiltrazione criminale nel settore al fine di garantire, sempre e prima di tutto, la sicurezza del giocatore e dei minori, nonché per scongiurare fenomeni di ludopatia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136