Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Lovere dà l’addio a “Ivan”, partigiano della 53^ Brigata Garibaldi

mercoledì, 7 marzo 2018

Lovere – Addio all’ultimo partigiano della 53esima Brigata Garibaldi, la formazione che ha segnato la storia della Resistenza sul Sebino e nella valli bergamasche. All’ospedale di Lovere (Bergamo) è morto Franco Limonta, 92 anni, nome di battaglia “Ivan”. Lascia i figli Luciano, Raffaella, Gianandrea e Alessandro.

Franco Limonta faceva parte del primo nucleo che si costituì attorno a Giovanni Brasi, il comandante Montagna, e che si oppose con diverse azioni ai tedeschi e ai militi fascisti che dopo l’8 settembre del 1943 continuavano a combattere. Ricevette il testimone da “Tarzan”nel febbraio del 1944. I partigiani della 53esima Brigata Garibaldi sconfissero i nazifascisti in diversi scontri, il più importante fu quello di Fonteno nell’agosto 1944.

Un mese prima, nel corso di un’azione a Gandino, il partigiano Ivan rimase però gravemente ferito per lo scoppio di una granata. Dopo il 25 aprile 1945, si sposò, quindi venne assunto alla Italsider di Lovere dove rimase fino alla pensione. La salma di Ivan è stata ricomposta nella camera ardente allestita in vicolo Piazzetta, nella sua abitazione di Lovere. Giovedì 8 marzo, alle 11, al cimitero di Lovere, si terrà un’orazione funebre in memoria del partigiano Ivan, quindi la tumulazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136