QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Livigno, esposto del M5S per disastro ambientale sul fiume Spöl

martedì, 4 luglio 2017

Livigno – Esposto sugli ultimi interventi a Livigno (Sondrio). Il M5S Lombardia deposita esposto per disastro ambientale. A sei mesi dalla presentazione dell’interrogazione parlamentare sul prosciugamento del fiume Spol di Livigno, l’onorevole Massimo De Rosa, il consigliere regionale Eugenio Casalino e Nicola Faifer – fondatore di “L’acqua è TUA”, hanno depositato un esposto alla Procura della Repubblica di Sondrio per denunciare il perdurare del disastro ambientale sul Fiume Spöl.

Per Eugenio Casalino, consigliere regionale del M5S Lombardia, “Il fiume che attraversa Livigno risulta prosciugato. La Società A2A S.p.A. opererebbe senza rilasciare il deflusso minimo vitale del corso d’acqua a valle delle derivazioni idroelettriche come vorrebbe la normativa vigente. Abbiamo depositato un esposto perché sia valutato l’eventuale disastro ambientale, e i danni al Comune di Livigno.

L’area è a forte vocazione turistica e le vallate alpine vanno preservate. In Lombardia il numero di derivazioni idroelettriche è fuori controllo e l’acqua è sfruttata oltre ogni limite, a scapito degli ecosistemi fluviali, dell’ambiente, della biodiversità nonché sulla fruizione turistica dei luoghi montani. Troppo spesso gli ambiti territoriali in cui insistono i progetti di impianti idroelettrici presentano particolari valenze naturalistiche, ambientali e faunistiche. E’ ora di finirla con lo sfruttamento senza regole delle risorse idriche”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136