Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Leno: si allaccia abusivamente al contatore Enel. 52enne arrestato dai carabinieri e condannato a 2 mesi e 20 giorni

giovedì, 9 febbraio 2017

Leno –  I carabinieri di Leno, dopo attente verifiche e con l’ausilio di una squadra dell’Enel e della stazione carabinieri di Gambara, si recavano nei giorni scorsi presso l’abitazione occupata da un uomo di 52 anni, ubicata a Gottolengo, il quale pur non avendo in attivo alcun contatore di energia elettrica, stava tranquillamente seduto sul divano a vedersi la tv e nella circostanza proprio una replica della serie “I carabinieri” ed aveva funzionante anche alcuni elettrodomestici.carabinieri

Solo che questa volta i carabinieri si sono presentati di persona presso la sua abitazione e nonostante il contatore fosse stato chiuso e sigillato anni addietro, l’uomo da mesi, ne aveva manomesso il sigillo della “tavola cieca” per usufruire ugualmente dell’energia. Pertanto i tecnici dell’Enel potevano cosi rilevare di fatto un allaccio diretto alla rete di distribuzione. Tale allaccio, atto ad alimentare l’appartamento, senza che l’energia fosse misurata, è stato eseguito mediante manomissione del sigillo (tagliato) che chiudeva la “tavola cieca” e successivo collegamento dei fili dell’impianto elettrico direttamente ai morsetti di arrivo linea. I tecnici provvedevano di fatto a staccare immediatamente l’impianto cliente e a ripristinare il sigillo alla “tavola cieca”.

L’uomo è stato arrestato per furto aggravato di energia elettrica; processato è stato condannato a 2 mesi e 20 giorni di reclusione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136