QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Lavis: sequestrati 10 chili di hashish, arrestati da Finanza e Carabinieri due corrieri

lunedì, 20 gennaio 2014

Lavis - Sequestrati oltre 10 chili di sostanze stupefacenti e arrestati due corrieri. La Guardia di Finanza e i Carabinieri di Trento hanno sequestrato 10 chili di hashish e 200 grammi di cocaina, traendo in arresto i corrieri, due cittadini marocchini poco più che ventenni.

Guardia di Finanza e carabinieri di Trento

Nell’ambito di un piano di controllo congiunto del territorio le due forze di polizia fermavano i due cittadini extra-comunitari, che si stavano aggirando nel Comune di Lavis con un atteggiamento alquanto circospetto. A seguito del controllo, Radim Tarik , 21 anni, pregiudicato per reati specifici, e Aziz Abdehadi, 24 anni, incensurato, mostravano un evidente nervosismo e, considerato che non erano in grado di fornire alcun valido motivo circa la loro presenza sul territorio, si decideva di effettuare una ricerca estesa sul territorio limitrofo, finalizzata ad individuare gli eventuali mezzi utilizzati per recarsi a Trento.

Verso le 15.30 dell’altro ieri, venivano rintracciate nei pressi di Zambana le due autovetture utilizzate dai due stranieri e contestualmente veniva richiesto l’intervento urgente di un’unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza per eseguire un controllo approfondito degli automezzi. In esito alla perquisizione, con l’ausilio del cane antidroga “Apiol”, gli uomini dei Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Trento rinvenivano 20 panetti di hashish per un totale di 10 chili e 2 bustine contenenti complessivamente 200 grammi di cocaina, per un valore di mercato al dettaglio pari a circa 250.000 euro, abilmente occultati in un doppio fondo ricavato sotto il finestrino laterale posteriore di una delle autovetture, una Toyota Yaris.

I due cittadini marocchini venivano tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed accompagnati presso la Casa Circondariale di Trento a disposizione del dottor. Bruno Fedeli, Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136