QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Squadra Mobile di Trento arresta 29enne romeno responsabile di rapina ai danni di una prostituta

martedì, 21 marzo 2017

Trento – Alla fine di una delicata indagine, la squadra Mobile di Trento, ha eseguito a Lecco, con il contributo della locale Squadra Mobile, una misura cautelare nei confronti di Ionel Eugen Ivan, nato in Romania il 25 aprile 1987, che si era reso responsabile di rapina aggravata ai danni di una prostituta.

L’indagine era partita il 12 dicembre scorso, quando lo straniero, dopo essersi appartato con la vittima ed aver consumato con lei una prestazione sessuale, la colpiva con un pugno alla nuca e la spingeva all’esterno del veicolo facendole sbattere violentemente il capo a terra. La vittima riportava traumi e ferite e subiva la sottrazione di uno smartphone e del contenuto della borsetta.

Le attività investigative, svolte dalla Squadra Mobile di Trento che ha monitorato l’utilizzo dello smartphone della vittima, hanno consentito di individuare l’autore della rapina e seguirne gli spostamenti fino al giorno del suo arresto che è avvenuto dopo che l’uomo aveva cercato di far perdere le proprie tracce non riuscendovi grazie alla intuizione degli investigatori.

Il provvedimento cautelare eseguito, è stato dal GIP, ritenuto necessario perché lo straniero, autotrasportatore saltuariamente presente sul territorio nazionale, si è reso fin da subito aggressivo e violento e potenzialmente in grado di commettere nuovamente tali delitti e proprio perché non residente nel territorio dello Stato in grado di dileguarsi facilmente.

L’arresto, commenta Salvatore Ascione capo della Squadra Mobile, dimostra come per risoluzione di casi complessi sia importante le collaborazione tra gli uffici investigativi, che hanno quale unico obiettivo il contrasto di tutte le forme criminali.

Soddisfazione è stata espressa dal Questore D’Ambrosio per la soluzione del caso che ha visto l’assicurazione alla giustizia del colpevole e la contestuale tutela delle fasce deboli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136