QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Polizia Stradale di Trento smaschera una sessione di guida truccata

giovedì, 14 novembre 2013

Trento – Brillante operazione della Polizia Stradale di Trento che ha smascherato una sessione d’esame di guida truccata. La Stradale opera ordinariamente di concerto con il Servizio Motorizzazione Civile della Provincia Autonoma di Trento per i controlli di settore riguardanti gli Studi di Consulenza per i mezzi di trasporto, le autoscuole, i centri di revisione autorizzati e sui veicoli oggetto di revisione.Il personale della squadra di polizia giudiziaria di questa Sezione di Polizia Stradale, nell’espletamento di un servizio di controllo precedentemente concordato col Direttore del Servizio Motorizzazione Civile di Trento, in occasione di una sessione d’esame di teoria per il conseguimento della patente di guida per la categoria B ha notato qualcosa di sospetto. Infatti durante lo svolgimento della sessione d’esame, l’operatore di polizia si accorgeva che un candidato straniero, autorizzato a far uso di una cuffia auricolare nella quale poteva udire la traduzione delle domande dei quiz, occultava un altro auricolare sotto detta cuffia consentita dalle procedure d’esame.402987_3135_big_2012-polizia-stradale-pattuglia-autostrada-1

LE VERIFICHE 

Immediatamente veniva predisposto, con altri rinforzi un servizio nelle immediate vicinanze al fine di individuare eventuali complici. Il candidato, di etnia pakistana, al termine della prova d’esame veniva bloccato e perquisito. Sullo stesso veniva trovato un telefono cellulare acceso con collegamento bluetooth all’auricolare che indossava occultato. Tale dispositivo risultava in comunicazione con un’altra utenza telefonica. Il candidato identificato in Nasir Iqbali, classe 1987, residente in provincia di Brescia. La lettura della prova d’esame compiuta da Nasir Iqbali ha permesso di constatare che il medesimo avrebbe superato la prova d’esame commettendo un solo errore, ma probabilmente senza conoscere le norme del Codice della Strada. Proseguono le indagini della Polizia Stradale, coordinati dal vice questore aggiunto, Giuditta Vitto, dirigente della sezione di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136