QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Polizia Stradale di Trento arresta due “passatori” che stavano trasportando irregolari

mercoledì, 16 ottobre 2013

Trento – Fermati dalla Polizia Stradale di Trento otto extracomunitari privo del permesso di soggiorno e arrestati i due “passatori”, conducenti delle due autovetture  - uno italiano e l’altro spagnolo – che trasportavano gli otto irregolari. La brillante operazione degli agenti della Stradale trentina  è stata completata nelle scorse ore. Il personale della Sezione Polizia Stradale di Trento, Sottosezione Autostradale, durante l’espletamento di un servizio di vigilanza autostradale, nelle prime ore del mattino, notava sulla piazzola di sosta d’emergenza sita nel territorio di Avio in carreggiata nord, due autovetture ferme. I due autoveicoli, entrambi di marca Mercedes, la prima immatricolata in Italia e l’altra con targa tedesca, risultavano avere a bordo numerose persone con caratteristiche somatiche non europee.

L’IDENTIFICAZIONE  402987_3135_big_2012-polizia-stradale-pattuglia-autostrada-1

La pattuglia provvedeva immediatamente ad identificare i due conducenti: un italiano ed uno spagnolo residente in Germania, i quali trasportavano otto persone straniere di cui tre adulti e cinque minori. Poiché i trasportati stranieri erano sprovvisti di documenti d’identità, tutto il gruppo veniva accompagnato per accertamenti presso la Sottosezione Polizia Stradale di Trento.
Gli operatori intervenuti, coadiuvati dal personale di polizia giudiziaria della Polizia Stradale, intraprendevano una complessa ed articolata attività d’indagine a seguito della quale si stabiliva che le otto persone straniere tutte clandestine, provenivano da Roma ed erano diretti in Germania.

GLI ARRESTI

All’esito di tali riscontri investigativi, i conducenti delle autovetture venivano dichiarati in arresto per favoreggiamento in ordine al reato previsto dall’articolo 12 comma 3 Decreto Legislativo 286 del 25 luglio 1998.
Gli stranieri, successivamente accompagnati presso la Questura di Trento – Gabinetto provinciale di Polizia Scientifica per procedere alla loro identificazione, poi diretti all’Ufficio Immigrazione, hanno espresso oralmente la volontà di chiedere asilo politico. Il personale della Polizia Stradale si è attivato, in concerto con l’Ufficio Cinformi della Provincia di Trento, a individuare idonee strutture per l’accoglimento dei clandestini e per il loro vettovagliamento. Domani alle 11, presso gli Uffici della Sottosezione Polizia Stradale di Trentosi terrà la conferenza stampa in cui sarà illustrata l’operazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136