QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Polizia Stradale di Sondrio sorprende autotrasportatore a circolare in periodo di divieto

giovedì, 4 agosto 2016

Sondrio – La Polizia Stradale di Sondrio ha effettuato controlli sui mezzi pesanti. Autotrasportatore straniero sorpreso a circolare in periodo di divieto.

Nella mattinata di sabato 30 luglio, in località Morbegno (Sondrio), sulla Strada Statale 38, gli agenti della Polizia Stradale – Sezione Polizia Stradale di Sondrio, nell’ambito del consueto e sistematico servizio di vigilanza stradale, hanno individuato e fermato per un controllo un autoarticolato, con targa estera, condotto da un cittadino straniero, 36enne, che circolava nonostante fosse vigente il divieto imposto ai mezzi pesanti. Al conducente veniva contestata la specifica violazione dell’art. 6/1°-12° Codice della Strada, che prevede una sanzione amministrativa dell’importo massimo di 1.695 euro e la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida e della carta di circolazione, nonché il  fermo amministrativo del veicolo, per un periodo massimo di 4 mesi, da custodire obbligatoriamente in un luogo stabilito.

Successivamente, nella mattinata di lunedì 1 agosto, a seguito di una verifica effettuata da una dipendente pattuglia, è emerso che l’autoarticolato fermato non si trovava più custodito nel luogo indicato.  Dopo alcune ricerche il veicolo veniva rintracciato in località Castione Andevenno (Sondrio). Alla guida è stato trovato il medesimo conducente straniero che, senza documenti, perché ritiratigli in precedenza, incurante del provvedimento di fermo amministrativo applicato al veicolo, circolava con il mezzo.

L’uomo è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria per violazione degli obblighi relativi alla custodia giudiziale di cui agli articolo 334 e 335 del Codice Penale;  a suo carico  anche  altre sanzioni amministrative,  per un importo massimo complessivo di €  11.128,00 (art. 214/8° e 218/6° C.d.S.), e la confisca dell’autoarticolato.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136