QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

La Finanza di Brunico sequestra olio e gasolio di dubbia provenienza. Denunciato un autista croato

mercoledì, 4 febbraio 2015

Bolzano – La Finanza di Brunico sequestra gasolio e olio di illegittima provenienza. L’intensa attività di controllo del territorio, svolta giornalmente dalla Guardia di Finanza, ha condotto i militari della Compagnia di Brunico a denunziare un cittadino di nazionalità croata per sottrazione al pagamento dell’accisa del gasolio trasportato per autotrazione.

La vettura in entrata nel territorio nazionale è stata fermata lungo la statale 49 e sorpresa in possesso di tre taniche di carburante.

Nello stesso mezzo, sono stati altresì trovati, contanti per 12 mila euro in violazione alla normativa sulla circolazione transfrontaliera dei capitali, motivo per cui la parte è stata sanzionata per la sofurto gasolio Bolzano Gdfmma ineccesso.

Simili controlli condotti recentemente, hanno consentito alle Fiamme Gialle di Brunico di sequestrare complessivamente 285 litri di gasolio per autotrazione, 416 litri di olio lubrificante, denunciare quattro soggetti di nazionalità estera, rispettivamente provenienti dall’Ungheria, Bulgaria e Moldavia.
Il sequestro del gasolio e dell’olio lubrificante di cui non è stata dimostrata la legittima provenienza, mediante l’esibizione della prescritta documentazione, è dovuto anche nel caso di prodotti energetici trasportati dai privati o per loro conto, con modalità di trasporto atipico, quale l’uso di normali taniche; esso è consentito per quantità non superiore a 10 litri e comunque in apposite taniche omologate.
Ogni comportamento contrario comporta la denuncia a piede libero all’Autorità Giudiziaria e il pagamento di una multa dal doppio al decuplo dell’imposta evasa, che non può essere inferiore in ogni caso a 7.746,85 euro nonché il sequestro del prodotto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136