Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


La Finanza di Brescia scopre 7 milioni di evasione fiscale in una Srl di Chiari. Denunciati i tre rappresentanti legali

venerdì, 31 marzo 2017

Brescia – Scoperta evasione fiscale in una Srl di Chiari (Brescia) da parte dei militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Brescia. Dagli accertamenti è emersa l’evasione fiscale della società, con sede operativa a Chiari, operante nel settore del commercio all’ingrosso di minerali metalliferi e metalli ferrosi. Denunciati tre rappresentanti di una società, omessi ricavi per oltre 6,8 milioni di euro e Iva evasa per circa 7 milioni di euro.  guardia-finanza

I finanzieri, in un mese di serrata investigazione ed analisi della documentazione contabile e fiscale, hanno individuato il meccanismo di frode: l’impresa acquistava e vendeva “in nero” la merce, mentre la contabilità presentava fatture d’acquisto e di vendita nei confronti di soggetti diversi dai reali fornitori e clienti, i quali erano ben consapevoli del disegno criminale. Si è dunque ricostruita la reale operatività dell’impresa prescindendo dalla sua contabilità, risultata evidentemente del tutto inattendibile. Naturalmente la Finanza ha proceduto nei confronti dei vari “attori” della filiera.

Conseguenza inevitabile della frode è stata l’elevata movimentazione di denaro contante che è servita non solo a regolare i reali rapporti commerciali ma anche a “ricompensare” le condotte illecite di tutti i soggetti coinvolti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136