Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Iseo e Salò, i presidi della Polizia Stradale sono salvi. In totale, più di 200 a rischio

giovedì, 8 dicembre 2016

Iseo – Tagli ai posti di Polizia stradale e alla Polfer, ma questa volta Iseo e Salò sono salvi. In un comunicato, il segretario generale dell’Unione Generale Lavoratori della Polizia di Stato di Brescia, Santino Barbagiovanni, ha riferito che a livello nazionale sono a rischio centinaia di presidi. Le soppressioni, attorno ai di 200 posti, sono state al centro di un incontro che si è svolto al Ministero con il Direttore Centrale delle Specialità, Roberto Sgalla. Oltre alla proposta di soppressione sarebbe stato presentato anche il progetto di accorpamento di alcuni Reparti della Polizia Stradale e Polfer, allo scopo di recuperare forse di polizia da destinare alle sedi centrali. Nel bresciano, dopo le polemiche degli scorsi anni e le proteste, sono salve le sedi della Polizia Stradale di Iseo e Salò, e l’Ufficio Polizia di Frontiera di Montichiari, Infatti non sono state inserite tra i Reparti di chiudere.

402987_3135_big_2012-polizia-stradale-pattuglia-autostrada-1

Il sindacato si opporrà alle chiusure, visto i dati dell’attività  dei distaccamenti che nell’ultimo anno contano 320.000 controlli svolti, 175 mezzi rubati recuperati, 38 arresti eseguiti, oltre un milione e 500 chilometri di chilometri di pattugliamento. La mobilitazione contro la scelta di chiudere i presidi sul territorio nazionale, toccherà anche il territorio bresciano e il sindacato chiederà di rafforzare di controllo e prevenzione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136