QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Intervento del Soccorso alpino per nove scout bloccati sul Lagorai

sabato, 26 luglio 2014

Lagorai - Oggi pomeriggio, alle 13.30, il Soccorso alpino – Servizio provinciale trentino è intervenuto per prestare soccorso a nove scout bloccati a quota 2500 metri in Lagorai.soccorso alpino

Il gruppo scout, composto da giovani ventenni provenienti da Dolo e dalla provincia di Venezia, erano partiti due giorni fa per trascorrere tre giorni tra le vette del Lagorai. Oggi era prevista l’ultima tappa e il rientro a valle, dove li attendevano i parenti. Nonostante le avverse condizioni del tempo il gruppo di scout questa mattina ha intrapreso l’ultima escursione, partendo dal Bivacco Aldo Moro (quota 2565 metri) con l’obiettivo di raggiungere Cima Cece (2754 metri), la vetta più alta del Lagorai.

A metà percorso, a quota 2500 metri circa, mentre attraversavano alcuni nevai, dove sono scivolati più volte per le cattive condizioni delle neve, a causa del freddo, della pioggia e della nebbia, i giovani, però, non sono stati più in grado di andare avanti o di tornare indietro. Non essendo ben attrezzatti e infreddoliti, hanno così chiamato i soccorsi, telefonando al 118.

Il Soccorso alpino, di concerto con la Centrale operativa del 118, ha inviato sul posto due squadre di Tecnici che hanno raggiunto la zona dal Primiero e da Moena, dalla Val Maggiore. Alle operazioni di soccorso ha partecipato anche una squadra del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Passo Rolle, per un totale di circa 15 soccorritori.

Fortunatamente, mentre i soccorritori erano quasi giunti sul posto, uno squarcio tra le nuvole ha consentito il decollo di un elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites che, con alcune rotazioni, è riuscito a recuperare i giovani, trasportandoli su un vicino nevaio della Val Maggiore, dove si sono concentrati i soccorsi. Con alcuni mezzi fuori sdrada del Soccorso alpino e dei Vigili del Fuoco volontari i ragazzi sono stati infine trasportati a valle. Le loro condizioni di salute sono buone anche se molto infreddoliti. Le operazioni sono terminate alle 16.00 circa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136