QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Inseguimento da Far West da Bassano del Grappa a Strigno, i carabinieri arrestano 36enne

mercoledì, 14 gennaio 2015

Strigno – Un lungo inseguimento, poi braccato. I carabinieri, al termine di un inseguimento iniziato a Bassano del Grappa e terminato in zona Strigno, hanno arrestato un italiano 36enne per resistenza a pubblico ufficiale. La pattuglia dei carabinieri della Compagnia di Bassano del Grappa, durante un posto di controllo sulla Strada Statale 47, con direzione di marcia Trento, intima l’alt ad una autovettura, una Ford scura che, per tutta risposta, accelera e sperona la gazzella dell’Arma.

I carabinieri iniziano quindi l’inseguimento, chiedendo rinforzi via radio. Poco dopo giunge in aiuto una seconda autoradio, sempre di Bassano ma anche questa, nel tentativo di far rallentare il fuggiasco, viene speronata.

Sull’auto in fuga sembra esserci un solo personaggio che, nel proseguire la corsa, va a speronare una terza pattuglia dei carabinieri, questa volta della Compagnia di Feltre, che informata di quanto stava accadendo, tentava di arrestarne la marcia.

L’uomo, sempre a velocità folle, sperona altre tre autovetture, questa volta della vigilanza privata Rangers.
Le pattuglie della Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, seguite le comunicazioni radio della Centrale Operativa, che forniva i passaggi dell’auto inseguita lungo la statale, lo intercettano all’altezza di Grigno, dove un’altra autoradio dell’Arma, viene tamponata. La fuga aveva termine quando l’uomo, vistosi chiuso dalle manovre dei molteplici equipaggi dell’Arma, supportati dai Rangers, andava a collidere frontalmente con un furgone, dopo aver imboccato una strada in contromano.

L’autore della fuga, 4 carabinieri e un vigilantes, sono stati condotti presso l’ospedale di Borgo Valsugana per gli accertamenti e le cure.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136