QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Incidente mortale di Cavareno: la console della Repubblica Ceca ringrazia il Trentino per l’efficacia dei soccorsi

sabato, 5 agosto 2017

Cavareno – “Grazie di cuore per l’aiuto che ci avete dato”. Queste le parole di Jana Karfikova, console della Repubblica Ceca in Italia, giunta in mattinata a Trento in seguito all’incidente stradale che ieri sera, a Cavareno in Val di Non, ha coinvolto un pullman con 34 cittadini della Repubblica Ceca. consoleIl bilancio dell’incidente è stato di un morto, l’autista, Karel Struzka di 62 anni e di una trentina di feriti, molti dei quali già dimessi dagli ospedali.

La diplomatica è arrivata da Roma, viaggiando durante la notte, ed è stata accolta presso la caserma dei Vigili del Fuoco di Piazza Centa dal vicepresidente della Provincia, Alessandro Olivi e dal dirigente della Protezione Civile, Stefano De Vigili che l’hanno ragguagliata sulla situazione dei feriti e sulla dinamica dei soccorsi. All’incontro erano presenti anche Annagrazia Giannuzzi, Capo di Gabinetto del Commissariato del Governo e Lorena Di Galante Vicario Questore.

Nell’esprimere alla console la vicinanza ed il cordoglio della Provincia autonoma di Trento per la morte dell’autista del pullman, che con la sua manovra coraggiosa ha evitato che il bilancio delle vittime potesse essere ben più pesante, il vicepresidente Olivi ha ringraziato gli uomini della Protezione Civile per l’intervento di soccorso, molto tempestivo ed efficace. “Ancora una volta – ha detto Olivi – il nostro sistema ha dimostrato la sua efficienza e la sua capacità di mettere in campo una risposta pronta, coordinata ed efficace, grazie anche ad un modello organizzativo che rappresenta una sorta di unicum in Italia”.

Olivi e De Vigili hanno poi accompagnato la console Karficova all’Ospedale di Trento, dove è stata accolta dal direttore Mario Grattarola, per visitare i feriti lì ricoverati. Successivamente, la console è partita per la Val di Non, accompagnata da una macchina dei Vigili del Fuoco per incontrare con i connazionali già dimessi dagli ospedali. Attualmente ci sono 7 ricoverati a Trento, 4 a Bolzano, 3 a Cles e 1 a Merano.

La chiamata di soccorso è arrivata ieri alle 18.30 al 112. In pochi minuti sono interventi sul posto, nel comune di Cavareno, i vigili del Fuoco Volontari di Fondo. Successivamente sono arrivati dal Corpo dei Vigili permanenti di Trento una autogru per recuperare il pullman e due automezzi per incidenti stradali. In tutto hanno operato sul posto una cinquantina di uomini. I feriti sono stati trasportati negli ospedali con 3 elicotteri, due del Nucleo di Trento ed uno proveniente da Bolzano e con 5 ambulanze.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136