QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

In Trentino controlli della Polizia contro lo spaccio di droga: arrestato tunisino

giovedì, 4 maggio 2017

Trento – Continuano con importanti risultati i controlli della Polizia di Stato contro lo spaccio di sostanze stupefacenti voluti dal Questore D’Ambrosio.

polizia-0La Squadra Mobile di Trento, nell’ambito delle azioni contro lo spaccio di sostanze stupefacenti, ha arrestato un tunisino, Selmi Farhat, nato il 16.2.1974, che poco prima aveva ceduto della sostanza stupefacente a un giovane tossicodipendente trentino.

Gli Agenti, poco prima dell’arresto di Selmi, avevano appena intravisto un giovane tossicodipendente da diverso tempo fermo alla fermata dell’autobus. Il comportamento dello stesso aveva destato più di qualche perplessità, considerato che malgrado fossero transitati diversi mezzi di trasporto, sembrava non essere assolutamente interessato al servizio. Trascorsi alcuni minuti, infatti, il giovane veniva raggiunto dal tunisino e, dopo un breve conciliabolo, i due si incamminavano verso via Noce. Gli investigatori insospettiti dall’atteggiamento dei due e compreso che, probabilmente, vi poteva esserci in atto uno “scambio”, seguirono i due fino all’abitazione dello straniero. In via Noce quest’ultimo, dopo aver recuperato delle chiavi da una bussola delle lettere, presumibilmente dell’appartamento, entrava nello stabile, per prelevare lo stupefacente da consegnare al tossicodipendente. Al suo ritorno gli investigatori, compreso che vi sarebbe stata la consegna della merce, immediatamente bloccavano Selmi. L’uomo, vistosi scoperto, cercava la fuga, ma subito raggiunto tentava di liberarsi della droga che aveva poco prima preso dall’appartamento. Ne seguiva, pertanto, la perquisizione dell’abitazione, nel corso della quale gli Agenti sequestravano, oltre agli strumenti per la pesatura e il confezionamento dello stupefacente, circa 330 grammi di eroina e altrettanti di cocaina e diversi grammi di hashish, per un valore al dettaglio di circa 40mila euro.

Selmi, al termine delle attività di indagine, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e su disposizione dell’Autorità Giudiziaria condotto presso il locale carcere.

“Le attività di prevenzione, commenta il capo della Squadra Mobile di Trento Salvatore Ascione, consentono, quando attuate giornalmente, di determinare i comportamenti devianti riuscendo spesso a limitarli o addirittura a ridurli in maniera significativa. In talune circostanze, però, rimangono fondamentali le attività repressive, come quelle relative all’arresto di Selmi ed al sequestro di circa 700 grammi di stupefacente, che  consentono, non solo di circoscrivere i fenomeni dello spaccio, ma soprattutto di far comprendere ai cittadini, come ribadito dal Questore D’Ambrosio, che l’attività della Polizia di Stato è costante e significativa su tutta la città di Trento ed è destinata ad aumentare il senso di sicurezza dei cittadini.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136