Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Imer: denunciati due fratelli per detenzione abusiva di armi, munizioni e materiale esplodente

mercoledì, 31 gennaio 2018

Imer – Dopo l’arresto del 31 dicembre 2017 di Graziano Romagna, 51 enne di Mezzano (Trento), nella cui abitazione i Carabinieri di Imer (Trento), nell’ambito dell’operazione denominata “Ultimo Botto” trovarono una notevole quantità di materiale esplodente,  tra detonatori, micce detonanti e munizioni di vario calibro, l’attività investigativa dei militari dell’Arma è proseguita anche nel nuovo anno, ed è stata caratterizzata dalla raccolta di ogni utile informazione, carpita nei vari bar e locali pubblici del Primiero, volta ad individuare eventuale ulteriore giacenze di armi e materiale esplodente e dei relativi possessori.

Tale attività di polizia giudiziaria ha consentito ai militari della Stazione di Imer di ottenere dalla magistratura inquirente l’esecuzione di ben 15 decreti di perquisizione locale in Imer, Canal San Bovo (Trento) e Canazei – Passo Fedaia con l’ulteriore rinvenimento nelle abitazioni e pertinenze di due soggetti di Canal San Bovo, delle seguenti armi e materiale esplodente:

- un fucile mod. Moschetto 91, calibro 6,5;

- un fucile “Budapest” mod. M95;

- 117 cartucce di vario calibro;

- 100 grammi circa di polvere da sparo;

- 8 detonatori in rame;

- 10 metri circa di miccia a lenta combustione.

Il materiale e le armi rinvenuti nel corso di quest’ultima operazione è stato sottoposto a sequestro ed i possessori, due fratelli tali R.M. di anni 54 e R.G. di anni 53, entrambi di Canal San Bovo, denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per le relative violazioni penali ed alle leggi speciali.

Alle operazioni di ricerca dei armi ed esplosivo in considerazione della specificità del target, ha partecipato personale del Nucleo Artificieri Antisabotaggio del Comando Provinciale di Bolzano e 3 unità cinofile anti esplosivo dei Nuclei CC. di Laives (Bolzano) e Torreglia (Padova) con i rispettivi militari conduttori, oltre ai militari delle dipendenti Stazioni di Imer, Canal San Bovo e Canazei.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136