QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Il bilancio dell’attività della Polfer tra Verona e Trentino Alto Adige

mercoledì, 10 gennaio 2018

Trento – Le festività di fine anno sono terminate. E’ tempo di bilancio per i poliziotti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per Verona ed il Trentino Alto Adige che hanno intensificato i servizi per garantire vacanze serene ai turisti che hanno affollato le Stazioni.

Inoltre, la Polfer ha costantemente fronteggiato il fenomeno dei migranti in transito verso il Nord Europa, l’attività che comporta la predisposizione dei servizi specifici con lo scopo di evitare che clandestini si nascondano nei treni merci diretti verso l’Austria. Nei 15 giorni delle festività natalizie la Sottosezione Polfer di Trento ed il Posto Polfer di Rovereto hanno assicurato 82 servizi di vigilanza e scortato 14 convogli ferroviari.

Con la collaborazione delle unità cinofile della Guardia di Finanza, nelle stazioni sono stati svolti controlli antidroga che hanno portato al sequestro di modiche quantità di sostanze stupefacenti detenute per uso personale.

Particolarmente significativi sono stati i controlli specifici ai treni internazionali anche lo svolgimento delle cosiddette scorte trilaterali, in collaborazione con le Polizie Austriaca e Tedesca.

Nel corso dell’attività sono state identificate 334 persone, di cui 142 cittadini stranieri, e 3 sono state denunciate a piede libero. L’attività di controllo, in risposta al diffuso allarme terrorismo, è stata svolta con l’ausilio di metal detector ed estesa ai depositi bagagli di Stazione.

Il Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige è competente per le provincie di Verona, Vicenza, Trento e Bolzano. L’incremento dell’attività istituzionale, nel periodo delle festività natalizie ha riguardato tutte le province di competenza. Complessivamente, gli Uffici Polfer hanno garantito 606 servizi di vigilanza alle stazioni ferroviarie, scortato 104 convogli ferroviari ed eseguito 37 pattuglie lungo la linea ferroviaria. I servizi antiborseggio sono stati 29. Le persone identificate sono 1975, di cui 1012 cittadini stranieri, quelle denunciate a piede libero 26.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136