QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

I carabinieri di Verolanuova smascherano tre ladri subito dopo il furto a San Gervasio

martedì, 8 luglio 2014

Brescia – Presa banda di furti. I carabinieri della compagnia di Verolanuova, grazie alla tempestiva segnalazione di alcuni cittadini di San Gervasio Bresciano, che avevano assistito ad un tentativo di furto in un’abitazione del paese ad opera di tre individui, hanno fatto scattare immediatamente il piano di conCarabinieritrollo del territorio.

IL BLITZ

Non erano passati nemmeno cinque minuti dalla fuga precipitosa del terzetto scoperto all’opera, che l’auto sulla quale stavano tentando di dileguarsi verso Manerbio, e della quale i cittadini avevano fornito una precisa descrizione, una Peugeot 206 di colore nero, veniva intercettata da una pattuglia del Nucleo Radiomobile e costretta, non senza qualche difficoltà, a fermarsi in un punto dal quale era impossibile riprendere la marcia. Nonostante il tentativo di darsi ancora alla fuga, attuato rischiando anche di investire uno dei militari, i tre giovani venivano arrestati in custodia con l’aiuto dei colleghi di Pontevico, giunti con celerità in supporto. Quasi contemporaneamente un cittadino di Pontevico segnalava che la propria abitazione era stata svaligiata durante i pochi minuti di sua assenza e che un’auto simile a quella appena fermata era stata notata allontanarsi precipitosamente da quella località.

La perquisizione sul mezzo usato dai tre ladri, due dei quali minorenni, permetteva di ritrovare tutti i gioielli rubati nell’appartamento di Pontevico, oltre ad alcuni grossi cacciaviti utilizzati per forzare le porte d’ingresso.

Tutti e tre venivano quindi arrestati e, mentre l’unico maggiorenne del gruppo M.M. di 37 anni con molteplici precedenti penali veniva trattenuto in caserma, i due minorenni venivano condotti presso l’Istituto Penitenziario Minorile di Milano. Il Giudice del Tribunale di Brescia convalidava l’arresto e disponeva l’invio di M.M. agli arresti domiciliari in attesa di processo, mentre per i due minori veniva disposto dal GIP del Tribunale per i minorenni di Brescia il trattenimento in custodia presso il Centro di prima accoglienza “C. Beccaria” di Milano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136