QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

I carabinieri di Riva del Garda arrestano un 28enne per furto in un camping e denunciano per spaccio due giovani

giovedì, 28 maggio 2015

Riva del Garda (An. Col.) - Blitz anti-spaccio dei carabinieri di Riva del Garda (Trento). Negli ultimi giorni i carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno denunciato un giovane ventiduenne arcense per detenzione ai fini di spaccio di 50 grammi di marijuana (detenuti nelle tasche dei pantaloni e pronti per lo smistamento nel cuore di Riva del Garda) e hanno segnalato un minorenne di Malcesine agli Uffici Amministrativi competenti per detenzione di 2 grammi di hashish pronti al consumo.

Oltre alla consueta e costante attività di iniziativa antidroga, i militari del Nucleo Radiomobile, l’altra notte hCarabinierianno tratto in arresto un cittadino marocchino di 28 anni, senza fissa dimora, pregiudicato per reati specifici, responsabile del furto di un zaino ed altri effetti personali effettuato nel camper di un turista tedesco ospite al camping “Al Cor” di Torbole. L’uomo durante la perquisizione è stato trovato in possesso anche di un coltello a serramanico che occultava nei pantaloni. La refurtiva è stata prontamente restituita alla vittima e il 28enne è stato processato con rito direttissimo al tribunale di Rovereto.

I militari della compagnia di Riva del Garda segnalano inoltre che – in quest’ultimo caso come in altri – è stata decisiva per l’arresto del pregiudicato la “partecipazione” attiva dei cittadini che hanno segnalato la presenza del ladro e hanno consentito alle forze dell’ordine di intervenire per tempo, assicurando alla giustizia il malvivente.

La stazione carabinieri di Arco ha negli scorsi giorni concluso due intense attività di indagine: una ha portato al deferimento di un cinquantenne per indebito utilizzo di carta di credito, avendo egli acquistato alcuni biglietti aerei con la carta di credito di un ignaro quarantenne arcense; la seconda indagine ha consentito il deferimento per furto aggravato di una nomade minorenne pluripregiudicata per reati contro il patrimonio, perché all’interno di un negozio del centro di Arco riusciva con destrezza ad impossessarsi del portafogli della titolare dandosi alla fuga. Intercettata dai Carabinieri di Arco nelle immediatezze, veniva condotta in caserma per la denuncia. Lo studio del percorso di fuga consentiva di ritrovare in un cassonetto dei rifiuti la refurtiva.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136