QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

I carabinieri di Brescia smantellano gang, 5 persone arrestate per incendio, usura, estorsione di stampo mafioso

mercoledì, 4 febbraio 2015

Brescia – I militari del nucleo investigativo di Brescia hanno concluso un’indagine ha portato all’arresto di cinque persone per reati di incendio aggravato, usura ed estorsione commesse con l’aggravante del metodo mafioso. L’operazione è stata illustrata in mattinata al comando dei Carabinieri di Brescia, dove sono stati svelati gli intrecci della gang. Tra le persone arrestate figura un calabrese con diversi e gravi precedenti che si era insediato sul territorio Bresciano.

L’operazione si è conclusa sul Garda e in altri paesi vicini. I militari hanno ricostruito dettagliatamente l’attività illecita dei malviventi, anche con numerosi appostamenti video. Con vere e proprie spedizioni di stampo mafioso, il gruppo aveva consolidato un’attività di recupero crediti per conto di terze persone. Si occupava di somme di denaro che oscillavano tra i 40mila e i 100mila euro, pretendendo il 30% come pagamento per il servizio, anche in caso di esito negativo.

Minacce di morte, aggressioni e persino incendio di proprietà dei debitori: sono solo alcuni degli strumenti utilizzati per riscuotere il denaro. Tra le espressioni più utilizzate: “Guarda che ti facciamo le scarpe di cemento”. La gang è ora rinchiusa nel carcere di Canton Mombello, Verziano e a Verona a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136