QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

I carabinieri della compagnia di Salò arrestano 55enne per violenza sessuale sulla nipote di 7 anni

martedì, 21 aprile 2015

Salò – I militari Compagnia di Salò al termine dell’attività investigativa hanno arrestato un 55enne residente in un Comune del Garda per il reato di violenza sessuale aggravata, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari emessa il 13 aprile dal Gip del tribunale ordinario di Brescia.

In particolare il provvedimento è scaturito da inconfutabili indizi di colpevolezza in ordine al reato di violenza, commesso ai danni della propria nipote minore (sette anni al momento dei fatti) tra l’agosto e il dicembre 2014. Dagli elementi raccolti dai militari è scattata l’inchiesta della Procura. Inoltre il 5 gennaio 2015, negli uffici della locale stazione carabinieri, i genitori della minore offesa, denunciavano che avevano notato alcuni comportamenti anomaViolenza sessuale carabinierili della figlia, legati alla sfera sessuale.

In particolare la sera del 31 dicembre 2014 la loro primogenita si era rivolta alla madre e le aveva raccontato alcuni fatti accadutele mimando con le mani i gesti; mentre si confidava la bambina piangeva ed era molto scossa.

Il successivo 20 febbraio 2015 si procedeva quindi all’audizione con videoregistrazione della minore offesa, alla presenza della psicologa nominata quale ausiliaria dal Pm.
La minore lesa, sentita dalla consulente, confermava i fatti già narrati.

Il racconto della bambina è risultato lucido, chiaro e preciso; privo nella sua essenzialità di vizi narrativi o di suggestioni esterne. La stessa psicologa ha riferito che la bambina mostrava di avere ben chiara la memoria degli eventi occorsi.

Il Gip ha ritenuto quindi la gravità indiziaria del reato ascritto, considerato correttamente qualificato dal punto di vista giuridico ai sensi dell’articolo 609 bis con l’aggravante, trattandosi di bambina (che all’epoca dei fatti era minore di 10 anni), ha accolto la richiesta di applicazione della misura degli formulata dal Pm.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136