QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

I carabinieri arrestano due extracomunitari per furti nel Bresciano

martedì, 18 giugno 2013

Brescia -  Sono finiti in carcere due cittadini, originari del Marocco, per un furto e un tentativo di furto. Il primo blitz dei carabinieri è avvenuto nel capoluogo: i militari dell’aliquota radiomobile della compagnia di Brescia hanno arrestato in flagranza del reato di tentato   furto in abitazione K.B.B., 29 anni, nullafacente, clandestino, con precedenti per reati contro il patrimonio. L’extracomunitario veniva bloccato dai carabinieri, immediatamente giunti sul posto a seguito di richiesta del proprietario dell’abitazione, 27enne, che lo sorprendevano all’interno del giardino di una villetta, mentre tentava di introdursi in casa. Nel corso di perquisizione personale il giovane veniva trovato in possesso di arnesi atti allo scasso, successivamente sottoposti a sequestro. L’arrestato è stato convalidato dal Gip di Brescia e il  marocchino è stato condannato con rito direttissimo alla pena di un anno di reclusione, e tradotto nel carcere di Canton Mombello. Foto arresto Desenzano

L’altra operazione è avventa a Desenzano del Garda, i militari dell’aliquota radiomobile, nel corso di una mirata attività preventiva, appositamente predisposta dal Comando della Compagnia, volta a contrastare la recrudescenza dei reati contro patrimonio ed a conclusione di specifici accertamenti dattiloscopici, traeva in  arresto, per tentato furto aggravato, K.Y., cittadino marocchino del  1988.  I fatti: un 32enne sorprendeva all’interno della propria abitazione, temporaneamente non abitata, il cittadino extracomunitario che dopo essersi introdotto mediante effrazione della porta secondaria, era intento a rovistare all’interno dei cassetti della camera da letto. Il pronto intervento dei  militari, chiamati dal proprietario di casa, consentiva di bloccare e trarre in arresto il cittadino marocchino prima che potesse darsi alla fuga. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136