QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Giornate amare in montagna: muore bresciano in Svizzera, soccorso 81enne all’Aprica

lunedì, 12 agosto 2013

Aprica – Torna d’attualità la questione sulla sicurezza in montagna dopo questo weekend, in cui numerosi sono stati gli incidenti, alcuni mortali. All’Aprica il primo fatto di cronaca: un 81enne in via Palabione a causa di un malore è stato soccorso in extremis. Sul posto sono giunti un’ambulanza e il pensionato in vacanza è stato trasportato all’ospedale di Sondrio. Soccorso-Alpino-elicottero-SUEM

La tragedia in alta quota ha scosso il bresciano: due alpinisti italiani sono morti sul Monte Rosa, sulla cresta Rey. Tra le vittime dell’incidente reso noto solo nel pomeriggio di domenica, c’è anche un bresciano di 56 anni, Aldo Bergamini, molto conosciuto in provincia di Brescia ma residente da diversi anni nel milanese.

L’uomo era in cordata sul versante svizzero che porta a Punta Dufour con un compagno, un volontario del soccorso alpino di Borgosesia, Roberto Carmagnola di 44 anni. Sulle cause indaga la polizia di Zermatt. I due corpi sono stati recuperati da soccorritori grazie all’utilizzo di tre elicotteri dell’Air Zermatt, il soccorso alpino svizzero.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136