QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gardone Val Trompia: smaltimento illecito, due arresti dei carabinieri forestali

martedì, 18 luglio 2017

Brescia - Proseguono le indagini per smaltimento illecito di rifiuti nelle isole ecologiche della Provincia di Brescia. Sono scattate le manette per due cittadini stranieri regolarmente residenti in Italia.

I militari delle stazioni Carabinieri Forestale di Concesio e Gardone Val Trompia (Brescia), nella giornata di ieri hanno tratto in arresto un cittadino ghanese ed un cittadino tunisino che si erano introdotti furtivamente nell’isola ecologica di Concesio. I militari li coglievano in flagranza di reato intenti a rubare rifiuti di vario tipo tra cui batterie usate, R.A.E.E., materiali metallici (rame, alluminio, ferro, ghisa, ecc.), elettrodomestici usati e componentistica informatica destinati ad alimentare il mercato nero. Dalle prime indagini si è avuta la conferma, che come negli altri casi, la refurtiva era diretta in Nord Africa attività, quest’ultima, finalizzata allo smaltimento illecito di rifiuti, anche pericolosi.

Nel corso dell’arresto, uno dei due soggetti, per aprirsi una via di fuga travolgeva, investendolo con la propria auto, un militare che gli aveva intimato l’alt, nonostante tutto veniva fermato e tratto in arresto anche per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Ora i due dovranno rispondere dei reati di furto aggravato e attività di gestione di rifiuti non autorizzata in concorso tra di loro ( articoli 110, 81 cp, 99 comma 4, 624 e 625 nn. 2 e 7 cp, art. 256 comma 1 lett. A) D.Lvo 3 aprile 2006 n. 152 ) con pene che vanno da uno a sei anni per il furto aggravato e da sei mesi a due anni per la gestione illecita di rifiuti. Inoltre per uno dei due incombe anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale reato per il quale rischia fino a cinque anni di carcere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136