QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Gardone Val Trompia: blitz dei carabinieri nel rifugio dei clandestini

venerdì, 17 marzo 2017

Gardone Val Trompia – I carabinieri della stazione e del Nucleo Operativo di Gardone Val Trompia hanno eseguito una serie di controlli in alcuni appartamenti di via Zanardelli divenuti rifugio per alcuni stranieri clandestini, dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. I vari servizi di pattuglia eseguiti quotidianamente per il controllo del territorio hanno infatti portato i militari dell’Arma ad individuare un giro sospetto di individui aggirarsi soprattutto in orario serale e notturno nei pressi di quelle abitazioni.carabinieri Gardone 01

L’operazione è scattata alle prime ore della mattina, con l’impiego di una decina di militari in divisa ed in abiti civili oltre che al supporto dell’ unità cinofila, che dopo aver cinturato l’edificio hanno proceduto al controllo di alcune abitazioni.

Durante le operazioni sono stati individuati tre stranieri clandestini di origine marocchina uno dei quali, in particolare, alla vista dei militari si è barricato in casa ed ha tentato di gettare dello stupefacente nel water; i militari dopo aver forzato la porta e immobilizzato l’uomo, rimossi i sanitari, hanno rinvenuto nel tubo di scarico 9 dosi di cocaina per un peso di circa 6 grammi. La perquisizione locale ha portato altresì al ritrovamento di 1.500 euro nascosti in camera da letto.

L’uomo, arrestato per la detenzione illegale ai fini di spaccio dello stupefacente e resistenza a pubblico ufficiale, è stato poi accompagnato in Tribunale dove il Giudice, dopo aver convalidato l’arresto, l’ha condannato ad una pena di 6 mesi di reclusione e alla confisca del denaro sequestrato. Tutti e tre gli stranieri clandestini sono stati espulsi dal Territorio

Nazione ed accompagnanti alla frontiera dall’aeroporto di Milano Malpensa per essere imbarcati su voli che li riporteranno in patria. Ancora al vaglio dei Carabinieri la posizione del proprietario dell’abitazione e dell’intestatario del contratto d’affitto che rischiano l’imputazione per il favoreggiamento all’immigrazione clandestina.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136