QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Operazione Safes Cut: cinque arresti della polizia di Trento

venerdì, 26 luglio 2013

Trento –  Una delle gang più spregiudicate in furti è finita in carcere. L’operazione “Safes cut – casseforti violate” è stata condotta dalla questura di Trento. Smantellata dalla Squadra Mobile del capoluogo, in collaborazione con i colleghi di altre città del Nord Italia, una pericolosa gang romena. Alla banda vengono addebitati ben 32 colpi negli ultimi mesi. Furti in boutique, negozi di abbigliamento, con capi griffati, ma anche casseforti smurate e portate via e supermercati presi di mira con assalti. Il bottino, secondo quanto ricostruito dalla Squadra Mobile è superiore ai 120 mila euro, i danni superano i 50 mila euro. E’ il bilancio dell’operazione ricostruita dal capo della Mobile Trento, Roberto Giacomelli. Cinque persone, la sesta è tuttora ricercata, sono accusati di associazione per delinquere finalizzata ai furti. Gli arrestati sono:  Robert Ionut Ali, 20 anni, Cosmin Augustin Cocut, 28 anni, Catalin Gabriel Ali, 24 anni, Mihai Zara, 25 anni, di Bucarest, e Corina Antonaeta Postolache, 22 anni, di Birlad. la polizia sta cercando invece Catalon Visneacov, 41 anni.20130410070746

LE TECNICHE

La gang agiva nel Triveneto e si spostava in treno. Durante i blitz i cellulari venivano spenti per evitare di essere rintracciati. Dei cinque, uno è già stato in carcere a Rovigo e rimesso in libertà dal giudice. Adesso grazie anche alle intercettazioni telefoniche, quasi 150 mila secondo gli inquirenti, ci sono prove schiaccianti nei loro confronti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136