QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Furto in casa a Povo, denunciati da Squadra Mobile e Volante di Trento due minorenni

mercoledì, 31 agosto 2016

Povo – La Squadra Mobile e la Squadra Volante hanno identificato e denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria due minorenni autori di un furto in appartamento in località Povo (Trento).

I due giovani, uno di 13 anni D.P. e l’altra di 17, J.S. , stranieri, entrambi residenti fuori provincia, erano stati visti entrare in uno stabile a Povo da un vicino di casa della derubata.

Polizia di Sondrio

L’uomo, dopo aver compreso che i due erano entrati nell’appartamento per commettere un furto, aveva, immediatamente, chiesto l’intervento al 113.
Pochi istanti dopo la Volante, dopo una minuziosa ricerca nelle vie limitrofe, grazie anche all’aiuto della persona che aveva intercettato la fuga dei due ragazzi, riusciva a rintracciare la donna che si era nascosta negli uffici dell’IRST, ed a recuperare la refurtiva.

Durante il sopralluogo gli Agenti appuravano che i due erano entrati nell’appartamento utilizzando un cacciavite che aveva fatto scattare la serratura. Questa modalità era stata anche favorita dalla mancanza della rotazione del chiavistello (senza mandate).

Nel prosieguo delle indagini la Squadra Mobile identificava anche il complice della donna che era riuscito, momentaneamente, a sottrarsi al controllo degli investigatori.

In Questura, dopo le necessarie attività utili per la ricostruzioni dei fatti, i poliziotti restituivano alla vittima i numerosi oggetti di valore rubati poco prima dalla sua abitazione. In queste ore gli investigatori stanno cercando di comprendere se i due sono gli autori di altri tentati furti avvenuti con le stesse modalità negli ultimi giorni in città.

Con l’occasione il Capo della Squadra Mobile Salvatore Ascione, oltre a ringraziare i cittadini che con i loro buoni rapporti di vicinato e le loro segnalazioni contribuiscono a rendere tutti più sicuri, invita a porre maggiore attenzione nell’uso delle difese passive quali la chiusura completa delle porte e l’attivazione dei sistemi di allarme che rappresentano i primi strumenti di prevenzione dei reati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136