Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Furto in bar a Concesio, due uomini arrestati dai carabinieri

lunedì, 15 gennaio 2018

Gardone – Lo scorso fine settimana, una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Gardone Val Trompia, impegnati in un servizio per la prevenzione dei reati predatori, ha tratto in arresto due bresciani di 40 e 38 anni mentre tentavano un furto presso il “bar Tabacchi” di Concesio.

carabinieri controlliI due malintenzionati armati di piedi di porco, cacciaviti e guanti anti taglio hanno tentato di forzare la porta d’ingresso dell’esercizio commerciale; nonostante i notevoli danni arrecati alla porta d’ingresso, non sono riusciti ad introdursi all’interno del bar ma hanno fatto scattare il sistema d’allarme.

In pochi minuti accorrevano sul posto personale della vigilanza privata e i Carabinieri. I malfattori alla vista degli uomini in divisa hanno tentato subito di darsi alla fuga a piedi, cercando di sbarazzarsi invano degli arnesi da scasso ma sono stati raggiunti e riconosciuti in due habitué del furto; uno in particolare aveva già numerosi reati alle spalle per reati contro il patrimonio e risulta già colpito da misura cautelare della presentazione a P.G. e dalla misura di prevenzione personale dell’Avviso Orale.

I due soggetti sono stati tratti in arresto ed accompagnati presso la Caserma di Gardone Val Trompia in attesa di comparire davanti all’Autorità. Arresto convalidato ed entrambi sottoposti agli Arresti Domiciliari in attesa di giudizio.

ARRESTATO 33ENNE
Lo scorso fine settimana i Carabinieri della Stazione di Nave hanno tratto in arresto un 33enne italiano per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni dolose, minacce e porto abusivo di arma da taglio.

I militari sono stati allertati dalla vicina di casa in quanto spaventata dalle urla e dai calci che l’uomo era intento a dare alla porta della sua abitazione, a causa di una precedente discussione per futili motivi. I militari, una volta giunti sul posto hanno cercato invano di calmarlo, fino a quando, aggrediti e minacciati con un coltello da cucina, sono stati costretti ad immobilizzarlo per trarlo in arresto.

Nella mattinata odierna, nel corso del rito Direttissimo, l’Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136