QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Furto in abitazione, a Predazzo i carabinieri hanno arrestato una nomade

mercoledì, 7 settembre 2016

Predazzo – I carabinieri hanno arresto un nomade per furto in abitazione. Nel primo pomeriggio del 6 settembre 2016, a Predazzo (Trento) i militari della Aliquota Operativa della Compagnia Carabinieri di Cavalese, coadiuvati da quelli delle stazioni carabinieri di Predazzo e Molina di Fiemme, hanno proceduto all’arresto nella fragranza di reato di una giovane donna di etnia nomade, identificata in: Milka Hudorovic, nato a Bolzano il 20 marzo 1984, residente Laives (Bolzano), coniugata.

carabinieri cavalese predazzo

Nel primissimo pomeriggio di ieri, la centrale Operativa de di Cavalese riceveva una segnalazione telefonica da parte di un privato cittadino che richiedeva in via urgente un intervento a Predazzo, in quanto era stato appena perpetrato un furto presso la sua abitazione sita in quel centro località “Fol”, specificando che era stata bloccata una donna di etnia nomade con il denaro rubato presso l’abitazione.

Sul posto giungevano immediatamente militari del dipendente Nucleo Operativo coadiuvati dai colleghi delle Stazioni CC di Molina di Fiemme e Predazzo che, raccolte le informazioni utili alla ricostruzione dei fatti, identificavano la nomade in Milka HUDOROVIC. Dagli elementi di fatto raccolti emergeva che la donna si era poco prima introdotta nell’abitazione di tale M.F., settantenne del luogo, asportando denaro contante ivi custodito in alcune buste, per un importo di 1.670,00€; all’atto dell’intervento dei militari la nomade spontaneamente consegnava a questi ultimi il denaro sottratto che occultava sotto la cinta dei pantaloni ancora nelle stesse buste, una delle quali riportava il nome della parte offesa.

I Carabinieri intervenuti nell’immediatezza dei fatti, recuperavano e restituivano la refurtiva e avendo delineato un quadro probatorio tale da configurare la flagranza del reato aggravato di furto in abitazione , traevano in arresto la nomade. Sono tuttora in corso indagini volte all’identificazione di eventuale palo.

L’arrestata su disposizione del Pm di turno è stata tradotta presso le camere di sicurezza della compagnia carabinieri di Cavalese in attesa del rito per direttissima.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136