QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Furto di benzina a Vilpiano, fermato dalla polizia un 33enne

mercoledì, 18 dicembre 2013

Bolzano – Smascherato mentre ruba la benzina. Una pattuglia della Polizia Stradale di Merano, impegnata nel servizio di vigilanza stradale sulla MEBO, giunti nei pressi dell’area di servizio “Q8” di Vilpiano, direzione Merano, notavano l’anomala presenza all’interno dell’anzidetto piazzale di due autoarticolati in sosta affiancati l’uno all’altro, ma con opposta direzione di marcia. Detta anomala posizione dei due mezzi pesanti insospettiva da subito gli agenti della Polizia di Stato in servizio anche perché nelle settimane scorse la Polizia Stradale di Bolzano e Merano è stata chiamata ad intervenire presso la predetta area di servizio per precedenti furti di carburante consumati ai danni di autotrasportatori della zona che lasciavano durante il fine settimana i Tir in sosta.402987_3135_big_2012-polizia-stradale-pattuglia-autostrada-1

Gli agenti decidevano, quindi, di avvicinarsi ai mezzi in questione,a fari spenti e ad andatura ridotta, per evitare di insospettire eventuali malintenzionati lì presenti. Mentre si avvicinavano notavano una scritta riportata sul lato sinistro della cabina di uno dei due mezzi “Dovete impazzire” (frase provocatoriamente indirizzata agli operatori della Polizia Stradale) che era stata già oggetto di segnalazione da pare di testimoni presenti sulla MEBO, in occasione dei precedenti furti denunciati alle forze dell’ordine, che avevano indicato detta scritta come segno distintivo del mezzo sospetto. Gli operatori della Polizia Stradale si avvicinavano, quindi, ai predetti autotreni e sorprendevano un cittadino italiano, V.R.N. , 33 anni, nato a Foggia, autotrasportatore, mentre armeggiava con una pompa elettrica portatile e due tubi di gomma, lunghi diversi metri, intento a sottrarre gasolio per autotrazione dal serbatoio di un mezzo pesante di una ditta di San Candido, e in uso ad un autotrasportatore austriaco, residente a Nalles, e, nel contempo, a immettere il carburante sottratto nel serbatoio del proprio mezzo. Il malvivente, vistosi sorpreso, senza opporre resistenza ai due operatori della Polizia, ha cercato nell’immediatezza di occultare goffamente i tubi da lui utilizzati in quel momento. L’evidenza del furto veniva palesata, inoltre, dall’ effrazione della serratura del tappo del serbatoio del mezzo sul quale si stava consumando il furto e dalle perdite di carburante da entrambi i serbatoi. A seguito di ciò i due agenti procedevano all’arresto per furto aggravato del connazionale, il quale si trovava in zona e a quell’ora in quanto doveva caricare nella nottata un quantitativo di frutta da un magazzino della Val Venosta, destinato al mercato ortofrutticolo della Puglia. Il predetto camionista veniva portato negli Uffici della Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Bolzano e, poi, associato alle carceri di Bolzano a disposizione del Pubblico Ministero Giancarlo Bramante, il quale ha inteso disporre degli opportuni approfondimenti, in quanto il carburante sottratto e denunciato nelle prime ore della mattinata di sabato dalla parte lesa risultava essere superiore a quello rinvenuto all’interno del serbatoio del mezzo condotto dall’arrestato. Non si esclude la presenza di uno o più complici che abbiano prelevato gasolio con le stesse modalità “self service” ai danni del cittadino austriaco. Gli elementi raccolti dagli uomini della Polizia Stradale portano, comunque, in Puglia e non si escludono ulteriori sviluppi dalle indagini avviate e coordinate dalla locale Autorità Giudiziaria. Di fatti dovranno essere esaminati altri episodi di furto di carburante con lo stesso modus operandi denunciati a Merano, Terlano, Cermes e in Trentino che hanno indotto la Polizia Stradale di Bolzano ha potenziare, in via preventiva, il pattugliamento sulla MEBO, dispositivo che ha dato poi i frutti sperati con l’arresto del connazionale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136