QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Furti in abitazione, arresti dei carabinieri a Passirano e Bagnolo Mella

sabato, 12 dicembre 2015

Brescia – Controlli e raffica di arresti dei carabinieri di Passirano, Gardone e Verolanuova.

I militari della stazione di Passirano (Brescia) unitamente a quelli dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia hanno arrestato cinque persone di cui un 31enne egiziano, una 30enne, un 25enne ed un 17enne di origini albanesi oltre ad una 20enne romena per il reato di tentato furto aggravato in abitazcarabinieri Gardoneione. I cinque, a seguito della segnalazione alla centrale operativa della Compagnia da parte di un cittadino residente in via Pace a Passirano, che riferiva di aver notato due giovani, travisati con cappuccio del giubbino, scendere da un’autovettura Volkswagen Polo e scavalcare la recinzione di un’abitazione lì vicina per poi darsi a precipitosa fuga a bordo della predetta autovettura in quanto, verosimilmente, disturbati dal rincasare della proprietaria, venivano rintracciati e fermati in quella Via Chiesa dai militari operanti prontamente intervenuti in zona. L’immediata perquisizione veicolare permetteva agli operanti di rinvenire all’interno del baule un borsone contenente due cacciaviti di grosse dimensioni, un flessibile con lame da taglio, tre paia di guanti e un coltello a serramanico. I 4 soggetti maggiorenni venivano sottoposti al rito direttissimo che disponeva per l’egiziano e per la 30enne albanese l’obbligo di dimora nel Comune di Rezzato,  mentre gli altri due venivano rimessi in libertà. Per il minore sottoposto al rito direttissimo veniva invece disposto il collocamento in comunità.

A BAGNOLO MELLA 

I carabinieri di Bagnolo Mella, in via La Pira del medesimo comune, allertati dal titolare di una ditta limitrofa che aveva sentito dei rumori sospetti, prontamente giunti sul posto, sorprendevano in flagranza di reato due soggetti che, dopo aver tranciato il lucchetto posto a chiusura del container con una mazza da muratore ed un piccone, si erano impossessati di generi alimentari prelevandoli dalla cucina/dispensa dell’Associazione “Pensionati Bagnolesi”. 

All’atto dell’intervento uno dei due soggetti si dava a precipitosa fuga nei campi circostanti, ma veniva raggiunto e bloccato dopo una corsa di circa 50 metri.
I due venivano identificati in due cittadini italiani, un 36 enne ed un 47enne, entrambi artigiani edili residenti nel bergamasco e tratti in arresto per furto aggravato.
Il giudice del tribunale di Brescia ne convalidava l’arresto ed a seguito di patteggiamento condannati alla pena in mesi 10 di reclusione e 200 euro  multa e scarcerati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136