QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Furti a Rovato e Salò, tre persone arrestate dai carabinieri

martedì, 17 gennaio 2017

Rovato – Furti a Rovato e Salò, blitz dei carabinieri e tre persone, tra cui un minorenne, arrestate sul territorio bresciano.

La scorsa notte in Rovato (Brescia), i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Chiari traevano in arresto per rapina impropria un ventenne del Kosovo, disoccupato, e contestualmente denunciavano in stato di libertà per furto aggravato un diciassettenne marocchino, poi arrestato, anch’egli pregiudicato e già ristretto presso una locale comunità di recupero, dalla quale si era allontanato arbitrariamente il giorno precedente asportando un furgone di proprietà del medesimo centro.

Alle 4 la pattuglia di Chiari, già impegnata in un mirato servizio volto a prevenire i reati predatori commessi nell’orario di chiusura degli esercizi commerciali, nel transitare nei pressi dell’ipermercato “Interspar”, notava il citato furgone che si stava allontanando a forte velocità. Immediatamente gli operanti si mettevano all’inseguimento del mezzo riuscendo a fermarlo. Scendevano repentinamente tre soggetti che proseguivano la propria fuga a piedi nei campi adiacenti la sede stradale, prontamente rincorsi dai militari che riuscivano nel frangente a bloccare il cittadino kosovaro, dopo avervi ingaggiato una breve colluttazione, nonché a riconoscere il complice marocchino prima che si dileguasse favorito dall’oscurità.

In seguito alle perquisizioni, si rinvenivano all’interno del furgone 2 slot machine, un cambia monete ed un cassetto di registratore di cassa, precedentemente asportati dai fuggitivi dall’interno di un bar di Rovato, ove erano penetrati sfondando la vetrata principale con l’utilizzo di un piede di porco anch’esso rinvenuto sul mezzo.

L’arrestato veniva associato presso la casa circondariale di Brescia, dove a seguito della convalida dell’arresto dovrà rimanere in attesa di giudizio, mentre il minorenne marocchino, che dovrà rispondere anche del furto del mezzo, veniva rintracciato poche ore dopo mentre vagava per il centro di Rovato. Anche per lui, a seguito di ordinanza del giudice, si sono aperte le porte del carcere minorile Beccaria di Milano.

carabinieri-brescia

SECONDO BLITZ

I carabinieri della stazione di Manerba del Garda, nel pomeriggio di ieri, hanno arrestato un 41 enne romeno, in Italia senza fissa dimora, per furto aggravato ai danni di un supermercato. L’uomo, non nuovo ad episodi del genere, entrava all’interno del supermercato Simply di Padenghe del Garda e si confondeva, unitamente ad un complice, agli altri clienti intenti a fare la spesa.

Utilizzando un curioso ma efficiente metodo di occultamento della merce, un costume da donna indossato al contrario (tra i vestiti ed il giaccone) in modo da consentire che i beni trafugati potessero aderire perfettamente al corpo, si impossessava di 16 confezione di caffè “Lavazza Oro”.

Analogamente il complice, che riusciva a fuggire prima dell’arrivo dei Carabinieri, preparava una borsa con all’interno altre 36 confezioni di caffè che poi abbandonava all’interno del locale.

La scena sopra descritta non sfuggiva all’attento sguardo di alcuni dipendenti che allertavano i Carabinieri i quali dopo pochi minuti controllavano il soggetto con conseguente rinvenimento della refurtiva, del valore totale di circa 250,00 euro, che veniva riconsegnata al responsabile dell’esercizio commerciale.

L’arrestato è stato processato nella mattinata odierna presso il Tribunale di Brescia con conseguente convalida dell’arresto, divieto di permanenza nella Provincia di Brescia e differimento dell’udienza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136