QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Fulmine colpisce comitiva sulla Marmolada: un morto e tre feriti. Tragedia anche in Valtellina

domenica, 14 giugno 2015

Canazei – Fulmine colpisce comitiva, un morto e alcuni feriti. Un gruppo di escursionisti stava salendo in mattinata sulla via Normale, parete Nord della Marmolada, quando è stata sorpresa da un violento temporale con fulmini. La vittima è un 42enne veneto, uno degli istruttori, M.Q, deceduto sotto gli occhi della moglie.

Il dramma nei pressi di Punta Penìa, a 3343 metri di altitudine. Un escursionista è morto, tre i feriti. Sul posto l’elicottero del 118 di Trento e a che quello del Suem di Belluno, oltre al Soccorso Alpino Trentino.

ALTRA TRAGEDIA IN VALTELLINA  

Due escursionisti ad Albaredo (Sondrio) sono stati colpiti da un fulmine e un 23enne, Marco Bianchini, di Talamona è deceduto. L’allarme è stato lanciato alle 15 e sul posto sono giunte le squadre di terra del Soccorso alpino Valtellinese. Vani i tentativi per rianimare Marco Bianchini. L’amico che era con lui è stato ricoverato in ospedale a Sondrio.

Soccorso Riva Ponale 1

L’INTERVENTO DEL SOCCORSO ALPINO TRENTINO
Oggi, alle 10.40 circa, è scattato un allarme per una comitiva di undici alpinisti veneti del Cai di Oderzo, impegnati in un corso roccia che, dopo avere raggiunto Punta Penìa (la vetta più alta della Marmolada, 3.343 metri) lungo la via nord-ovest, mentre stavano scendendo lungo la via Normale, per la cresta est, sono stati colpiti da un fulmine. La folgore ha causato purtroppo la morte di un alpinista di 42 anni di Oderzo e il ferimento di altri tre, uno di media gravità e due lievi.

Il gruppo, diviso in cordate, dopo avere trascorso la notte al Rifugio Castiglioni, a Passo Fedaia, aveva iniziato l’escursione alle 4 di questa mattina. Raggiunta la cima, durante la fase di discesa per la via normale, è stato letteralmente avvolto da un violentissimo temporale, con tuoni e fulmini. Mentre gli alpinisti si trovavano lungo le cosiddette “roccette”, attrezzate con corde metalliche, a una quota di circa 3100 metri, un fulmine li ha colpiti, provocando il ferimento di quattro di loro. Le condizioni dell’uomo di 42 anni sono apparse subito disperate e un’infermiera che faceva parte della comitiva ha iniziato subito le manovre di rianimazione, con il massaggio cardiaco, mentre i compagni davano l’allarme, telefonando al 118.

La chiamata di aiuto è stata ricevuta dal 118 di Belluno che ha inviato sul posto un elicottero del SUEM, il quale però non ha potuto raggiungere la zona dell’incidente a causa della nebbia fittissima.

Nel frattempo il 118 bellunese ha chiesto l’intervento della Centrale unica operativa di Trentino emergenza, allertando a supporto anche gli uomini del soccorso alpino veneto della Val Pettorina.

L’Area operativa Trentino settentrionale del Soccorso alpino-Servizio provinciale trentino, di concerto con Trentino emergenza, ha inviato sul posto un elicottero, con a bordo il personale medico-sanitario e il tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino e una squadra di quattro tecnici del Soccorso alpino della Zona operativa Fiemme Fassa.

Anche in questo caso, per la nebbia, il mezzo aereo non hanno potuto raggiungere il luogo dell’incidente, riuscendo solo a fare sbarcare il Tecnico di elisoccorso e la squadra di tecnici del Soccorso alpino, circa 400 metri di dislivello più in basso rispetto al punto stabilito. I soccorritori si sono quindi portati in quota a piedi e giunti sul posto hanno prestato i primi aiuti. Purtroppo per il ferito più grave non c’è stato nulla da fare, mentre gli altri feriti sono stati medicati e caricati sulle barelle.

Nel frattempo sono stati aperti gli impianti per fare salire in quota altre squadre di soccorritori, per permettere la delicata discesa dei feriti con le barelle. Approfittando fortunatamente di una finestra tra la nebbia, l’elicottero è riuscito poi a imbarcare due feriti che sono stati trasportati all’ospedale di Trento. Si tratta di una donna, 38 anni, e un uomo, 51. Il resto della comitiva sta in questo momento scendendo a valle insieme agli uomini del Soccorso alpino trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136