QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Finanza bresciana scopre imprenditore che aveva frodato il fisco per oltre un milione di euro

mercoledì, 16 novembre 2016

Manerbio – I militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Manerbio, nel corso di un’approfondita attività ispettiva, hanno scoperto un insidioso sistema fraudolento, ideato da una società della bassa bresciana, operante nel settore della fabbricazione di strutture e parti assemblate metalliche.guardia-finanza-brescia

L’amministratore della società (S.A., 62enne di Bassano Bresciano), difatti, tramite un astuto escamotage contabile, aveva inventato e creato un “fondo” di circa mezzo milione di euro che avrebbe dovuto essere utilizzato per coprire un debito inesistente della propria impresa. In realtà, l’imprenditore usufruiva di tale fittizio “deposito” di denaro sottratto all’imposizione fiscale per far fronte alle spese personali.

I conseguenti accertamenti hanno consentito ulteriormente di rilevare come la società, grazie anche al fattivo ausilio di consulenti esterni, aveva inoltre utilizzato, per l’esecuzione di lavori, false fatture sulle quali erano state riportate identità di persone (soprattutto extracomunitari) residenti sul territorio nazionale, totalmente ignari del loro coinvolgimento nel meccanismo truffaldino.

L’attività posta in essere dalle Fiamme gialle di Manerbio ha permesso, in conclusione, di constatare una frode fiscale per oltre 1.000.000 di euro di ricavi non dichiarati e mancati versamenti I.V.A. per circa 240.000 euro, individuare numerose aziende utilizzate come “cartiere” nonché denunciare all’Autorità Giudiziaria di Brescia 10 soggetti ritenuti responsabili di illeciti penali quali: dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, emissione di fatture per operazioni inesistenti e occultamento di documenti contabili.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136