QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Droga in Valtellina, blitz dei carabinieri: sondriese ai domiciliari per produzione e spaccio

martedì, 19 settembre 2017

Ardenno – Si è conclusa l’attività investigativa dei carabinieri di Ardenno che ha portato ad un arresto e al ritrovamento di una discreta quantità di sostanza stupefacente di tipo marijuana destinato allo spaccio nelle piazze della Valle, di materiale per il confezionamento e di venti piante, ben cresciute, e semi pronti per essere piantati.

marijuanaAlla perquisizione, delegata dall’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sondrio, ha collaborato una squadra del Nucleo Cinofili carabinieri di Orio al Serio (Bergamo). L’ausilio dei cani specializzati ha permesso il rinvenimento di parte della sostanza e dei semi accuratamente nascosti all’ interno di un appartamento di Tartano.

L’uomo accusato di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente è un insospettabile sondriese 64enne, disoccupato; solo l’attività d’indagine ha svelato l’uomo che, se fosse riuscito nel suo intento, avrebbe immesso sul mercato la sua produzione per guadagni ancora incalcolabili.

La stessa attività d’indagine ha permesso di individuare un’altra piantagione di marijuana in un’area boschiva del comune di Ardenno.  Le 22 piante, anche queste rigogliose e ben curate, sono state trovate in un fondo di proprietà di una signora 91enne assolutamente estranea ai fatti. I militari hanno provveduto al sequestro e sono ancora in corso accertamenti per individuare il soggetto che, sfruttando la fitta vegetazione boschiva, ha ben creduto di coltivare un redditizio quadrato di terreno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136